Lunedì 15 Luglio 2024
VIOLENZE
Esteri

Violenza in Germania. In 20 contro bimbe ghanesi. Cresce la follia razzista

Violenze in Germania durante gli europei di calcio: aggressioni e omicidi mettono in allarme le forze dell'ordine. Aumento degli attacchi, in gran parte compiuti da profughi islamici, preoccupa l'opinione pubblica e fa crescere l'estrema destra.

Violenza in Germania. In 20 contro bimbe ghanesi. Cresce la follia razzista

Violenza in Germania. In 20 contro bimbe ghanesi. Cresce la follia razzista

di Roberto Giardina

BERLINO

in Germania mentre si aprono gli europei di calcio. Venerdì sera a Wilmerstedt, paese in Sassonia Anhalt, nella ex Germania Est, a una festa all’aperto, dopo pochi minuti dal fischio d’inizio della partita Germania Scozia, un uomo ha aggredito i presenti, ne ha ferito tre a coltellate, due sono gravi. Poi ha sparato sui poliziotti, che lo hanno ucciso. Poco prima, lo sconosciuto aveva ucciso a pugnalate un ragazzo. L’omicida è un afghano di 27 anni, e la vittima un suo connazionale di 23. In Germania è vietato rivelare l’etnia degli autori di reati e delle vittime. Ma a volte non si capiscono i motivi di quanto accade, e i giornali violano la norma.

Quasi alla stessa ora, ma i due fatti non sono in relazione, a Grevensmühle, nel Mecklenburgo, regione sempre all’est, una ventina di giovani hanno aggredito a calci in faccia e pugni due sorelline ghanesi, di dieci e otto e anni. La più grande è finita all´ospedale. Feriti anche i genitori intervenuti a difendere le loro bambine.

Le forze dell’ordine sono in allarme in tutta la Germania. La Sommermärchen, la festa d´estate, come la chiamano, rischia di venire rovinata da attentati. Dopo mezzo secolo non si dimentica l’attacco dei palestinesi di Settembre Nero al villaggio olimpico di Monaco, il 5 settembre nel 1972 (14 atleti isareliani vennero uccisi). Negli ultimi tempi sono aumentati gli attentati e le violenze compiute in maggioranza da profughi islamici. Il 31 maggio, a Mannheim, all’ovest, un afghano di 25 anni, durante un comizio antislamico, ha ferito a colpi di machete l’oratore, poi ha sgozzato un poliziotto, Reuven L., 29 anni, intervenuto in sua difesa. I verdi si oppongono all’espulsione del colpevole per ragioni umanitarie, non puó tornare in patria dove sono al potere i talebani. L’opinione pubblica non comprende, e i verdi alle elezioni europee hanno perso otto punti, mentre l’Afd, il partito dell’estrema destra continua a crescere, è giunta al secondo posto, al primo nelle cinque regioni orientali della scomparsa Germania comunista.

La settimana scorsa a Francoforte, una signora ucraina di 41 anni, seduta su una panchina, è stata pugnalata alle spalle da un afghano. È ricoverata in gravi condizioni. Ogni giorno vengono compiute in media 25 aggressioni a coltellate, scrive la popolare Bild Zeitung. Sempre per il politcally correct, non ci sono dati sugli autori. Solo in Nord Renania Westfalia, Land occidentale, è stata compiuta un’indagine. Nell’ultimo anno, le aggressioni con armi da taglio sono aumentate del 22,4 per cento, metà degli autori `non ha passaporto tedesco, ma non si contano quanti hanno il doppio passaporto, e un terzo è minorenne.