Giovedì 25 Aprile 2024

Attentato a Damasco, usata una bambina di 7 anni come kamikaze

Addosso aveva una cintura esplosiva fatta detonare a distanza

Il commissariato di polizia colpito a Damasco (Afo)

Il commissariato di polizia colpito a Damasco (Afo)

Beirut, 16 dicembre 2016 - L'esplosione che ha scosso oggi una stazione di polizia nella capitale della Siria, Damasco sarebbe stato causato da una bambina di sette anni con addosso una cintura esplosiva fatta detonare a distanza, Lo riferiscono diversi media siriani.

 L'esplosione nell'affollato quartiere di Midan della capitale ha ferito tre agenti della polizia mentre la bambina è morta, ha riferito il quotidiano governativo al Watan.  "Una bambina di 7 anni è entrata alla stazione di polizia, indossando una cintura che è stata fatta esplodere da lontano", ha scritto il giornale governativo in un post sulla propria pagina Facebook.  Una fonte della polizia ha detto ad Al-Watan, che la bambina sembrava persa e ha chiesto di usare il bagno quando l'esplosivo è stato fatto detonare. In passato gruppi ribelli hanno sparato razzi e colpi di mortaio sulla capitale, ma raramente ci sono state delle esplosioni all'interno della città.

EVACUAZIONE DI ALEPPO SOSPESA - Nel frattempo il regime siriano ha sospeso l'evacuazione dei civili e dei combattenti dell'opposizione dalle ultime zone, ancora in mano ai ribelli, di Aleppo. La Russia che, assieme alla Turchia, ha sponsorizzato l'accordo di cessate-il-fuoco ha fatto sapere che l'operazione di evacuazione è stata "completata" con l'uscita di tutte le donne ed bambini dalla città. Tuttavia, sia Ankara che una fonte militare siriana hanno affermato che l'evacuazione è stata sospesa e non ancora finita.