I segreti della nave da crociera più grande al mondo: dentro una cascata di 55 metri e un piccolo Central Park

Miami, la Icon of The Seas è l’ultima creazione colossale della Royal Caribbean: è grande quanto due stadi Meazza e può ospitare oltre 7mila passeggeri. Scattano le polemiche: “Opera mostruosa”. La casa madre replica: “E’ ecosostenibile”

Miami, la nave da crociera più grande al mondo (Ansa)

Miami, la nave da crociera più grande al mondo (Ansa)

Miami, 21 gennaio 2024. Si chiama Icon of The Seas ed è la nave da crociera più grande al mondo. L’America festeggia la nuova opera megagalattica a stelle e strisce, pronta a salpare dalle rive di Miami per il suo primo viaggio: la partenza è prevista a fine mese. Tra le navi sorelle della Royal Caribbean lei è senza dubbio la più colossale mai vista al mondo. Una galassia di divertimento e relax da 250mila tonnellate (ben 5 volte il peso del Titanic) per circa 365 metri di lunghezza (due interi stadi Meazza o 3 campi da calcio), 70 di larghezza e 80 metri di altezza, 8 quartieri.

Cosa c’è dentro 

Al suo interno ha ‘8 quartieri’ uno progettato interamente per famiglie con bambini piccoli, un parco acquatico, 6 scivoli e 7 piscine, oltre 40 opzioni per cenare e bere, un piccolo Central Park ricco di piante e uccelli, ma soprattutto la capacità di ospitare fino a 7.600 passeggeri, 10mila se si considerano anche le 2350 persone che formano l'equipaggio provenienti da 80 Paesi del mondo. Insomma capace di accogliere gli abitanti di una cittadina come Alassio in Liguria.

Secondo la soprintendente senior dell'architettura outfitting newbuilding & Innovation, la veneziana Chiara Favaron “con il 62% di acqua, Icon of The Seas è concepita come la più grande piscina mai realizzata in mare”. A bordo spiccano elementi assolutamente sorprendenti come l'AquaDome, la più grande struttura in vetro e acciaio mai posata su una nave da crociera, dove si può ammirare una una cascata di 55 metri e soprattutto The Pearl, una immensa sfera d'acciaio (che da sola pesa come un Boeing) mutante internamente con musica, sfondo per video e selfie.

La cascata dentro la Icon of the Seas (Ansa)
La cascata dentro la Icon of the Seas (Ansa)

Il padrino da Guinness 

Il padrino è da Guinness, ovviamente. E chi se non uno sportivo da record come Lionel Messi. Dopo oltre sette anni dall'idea e 900 giorni di progettazione e costruzione la consegna della Icon of The Seas a Royal Caribbean è avvenuta il 27 novembre dal cantiere navale Meyer Turku di Turku, in Finlandia, e – dopo il viaggio inaugurale con autorità, vip, agenti di viaggio e giornalisti da tutto il mondo – partirà per la prima crociera ufficiale il 27 gennaio.

Icon of the Seas, la nave da crociera più grande al mondo (Ansa)
Icon of the Seas, la nave da crociera più grande al mondo (Ansa)

Le polemiche 

Non si sono fatte attendere le polemiche di chi, già nelle fasi di costruzione, l’aveva definita “un’opera mostruosa”. “Le risposte negative – ha spiegato l'esperto di crociere Stewart Chiron alla Cnn – provengono evidentemente da non croceristi. Le risposte positive superano di gran lunga le altre”. Quanto al tema ambientale e alla sostenibilità della Icon, Royal Caribbean mette a tacere i più scettici: “La nave può essere alimentata a gas naturale liquefatto” e “i motori a doppia alimentazione lavoreranno insieme una serie di iniziative di efficienza energetica. Inoltre ha un impianto di termovalorizzazione dei rifiuti”. La sfida? “Introdurre una nave a zero emissioni entro il 2035”. Tuttavia, se è vero che “con il 62% di acqua, Icon of The Seas è concepita come la più grande piscina mai realizzata in mare”, c’è da chiedersi se questo non avrà un impatto per esempio sul consumo dell’acqua.