Giovedì 16 Maggio 2024

Mosca attacca da Nord. Secondo fronte nella regione di Kharkiv. Zelensky: russi respinti

Forze russe attaccano dal territorio russo nel nord dell'Ucraina, provocando una "battaglia feroce" secondo il presidente Zelensky. Mosca minimizza l'azione, parlando di "ricognizione". L'obiettivo potrebbe essere creare una "zona cuscinetto" per fermare i bombardamenti ucraini. Evacuazioni e rinforzi in corso.

Le forze di Mosca stanno aprendo una secondo fronte nel nord dell’Ucraina attaccando direttamente dal territorio russo, secondo l’allarme lanciato dal governo di Kiev. Il presidente Volodymyr Zelensky (foto) ha affermato che l’attacco è stato respinto ma che è ancora in corso "una battaglia feroce". Mosca tace, mentre un canale Telegram vicino al Ministero della Difesa minimizza, parlando per ora di una semplice operazione di "ricognizione" e "pulizia".

Non è ancora possibile, dunque, capire se si tratti di una vera e propria offensiva tesa a creare quella "zona cuscinetto" di cui ha parlato recentemente il presidente russo Vladimir Putin per mettere fine ai continui bombardamenti ucraini sulle regioni di confine russe, in particolare quella di Belgorod, dove anche ieri per tutta la giornata sono arrivati droni lanciati dalle forze di Kiev ed è risuonato più volte l’allarme missilistico. Una "alta fonte militare" ucraina citata dall’agenzia Afp ha detto che scopo dell’operazione è proprio quella di istituire una fascia di sicurezza e che le truppe russe si sono spinte fino a un chilometro oltre la frontiera.    L’operazione è cominciata prima dell’alba di ieri con un pesante bombardamento sulla località di Vovtchansk, che conta 3.000 abitanti e che non aveva mai visto una così intensa attività di combattimento dall’inizio del conflitto. Le autorità hanno disposto l’evacuazione dei civili mentre rinforzi sono stati fatti confluire nell’area.