Kuwait, morto l’emiro Nawaf. Dal disastro militare al trono: chi era

Era in ospedale da fine novembre per una non meglio precisata “emergenza di salute”. Numerosi i suoi incarichi politici negli ultimi 60 anni. Crosetto: “Sono addolorato, sua guida fondamentale per la stabilità della regione”

Morto l'emiro del Kuwait, al trono dal 2020
Morto l'emiro del Kuwait, al trono dal 2020

Al-Kuwait, 16 dicembre 2023 – Dopo un regno di appena poco più di 3 anni, è morto Nawaf Al-Ahmad Al-Jaber Al-Sabah, l’emiro del Kuwait. Figlio di Ahmad, terzo sovrano del paese, era succeduto al fratellastro Sabah IV. Si trovava in ospedale dal 29 novembre, a seguito a una non meglio precisata “emergenza di salute”. Le sue condizioni erano state valutate come “stabili”.

Nawaf era nato nel 1937, ma si sa poco della sua infanzia. Dopo aver studiato in alcune delle migliori scuole del paese, all’età di soli 25 anni è stato nominato governatore di Hawalli, regione affacciata sul Golfo Persico. Nel 1978 il primo incarico nel governo statale: per 10 anni ricoprirà il ruolo di ministro dell’Interno.

Nel 1990, al momento dell’invasione del Kuwait da parte dell’Iraq, Nawaf ricopriva il delicato incarico di ministro della Difesa: la fallimentare risposta all’attacco e la mancanza di preparazione per le truppe gli è valsa l’avversità dei vertici militari, che a fine conflitto ne hanno richiesto le dimissioni. Una catastrofe politica che ha allontanato il futuro emiro dalla scena politica nazionale fino al 2003, quando è stato scelto come ministro dell’Interno e vice premier. Per “ripulire” il suo nome ha quindi promosso un’ampia campagna per aumentare il numero dei giovani arruolati nelle forze dell’ordine, favorendo un importante e richiesto ricambio generazionale. Negli ultimi anni di governo, Nawaf si è impegnato a favorire un buon clima nei rapporti tra i paesi arabi e del Golfo.

Nel 2006 la svolta che ha aperto la strada al trono: il fratellastro Sabah IV emana un decreto che nomina come erede Nawaf, in barba alla tradizione kuwaitiana che vede l’alternarsi del ruolo di emiro tra i due rami della casa regnante, gli Al-Jaber e gli Al-Salem. Il suo breve regno incomincia il 29 settembre 2020.

Sono arrivate in tarda mattinata le condoglianze del ministro della Difesa Guido Crosetto: “Sono profondamente addolorato per la scomparsa dell'emiro del Kuwait, sceicco Nawaf al Ahmad al Jaber al Sabah, leader carismatico e amico di lunga data – ha fatto sapere in una nota del dicastero – Ai suoi cari e al popolo kuwaitiano le mie condoglianze e vicinanza. La sua guida è stata fondamentale per la stabilità della regione”.

Il nuovo emiro del Kuwait è ora il fratello Mishal, 83enne, fino ad oggi il più anziano erede al trono del mondo.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui