Lunedì 27 Maggio 2024

Gaza, migliaia tornano a Khan Yunis dopo il ritiro dell’esercito d’Israele. Ma Netanyahu: nessun cessate il fuoco senza rilascio degli ostaggi

Fonti israeliane: mandato significativo a team negoziale. Il premier convinto: siamo vicini alla vittoria. Gallant: pronti per eventuale attacco iraniano. Media: manifestazione a Gerusalemme, a migliaia chiedono il rilascio degli ostaggi e le dimissioni di Netanyahu. Giovani ebrei italiani: non ci sentiamo al sicuro nelle università

Tel Aviv, 7 aprile 2024 – Svolta nella guerra a Gaza: l'esercito israeliano ha annunciato di aver ritirato tutte le truppe di terra combattenti dal sud della Striscia, dopo circa 4 mesi di forti combattimenti. Migliaia di famiglie palestinesi sfollate da Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, sono sulla via del ritorno in città dopo il ritiro dell'esercito israeliano dalla zona. 

Tuttavia Netanyahu ha ribadito: “Non ci sarà cessate il fuoco senza il ritorno degli ostaggi”

Il Gabinetto di guerra ha conferito “un mandato significativo” alla squadra negoziale israeliana per i negoziati che da stasera ripartono al Cairo per una tregua e il rilascio degli ostaggi. 

Il quotidiano Times of Israel ha scritto che oggi migliaia di manifestanti a Gerusalemme hanno chiesto il rilascio degli ostaggi e le dimissioni di Netanyahu.

Migliaia tornano a Khan Yunis dopo il ritiro dell'Idf
Migliaia tornano a Khan Yunis dopo il ritiro dell'Idf

Riguardo alla minaccia di Teheran, il ministro della Difesa Gallant ha detto di essere pronto ad affrontare qualsiasi scenario militare che veda coinvolto l'Iran. "I preparativi sono stati completati", si legge in un comunicato diffuso dal Ministero al termine di una riunione fra lo stesso Gallant e i vertici delle forze armate israeliane.

Approfondisci:

Sei mesi fa l’orrore di Hamas. Israele rivive il trauma della Shoah. Lo Stato-fortezza è fragile e diviso

Sei mesi fa l’orrore di Hamas. Israele rivive il trauma della Shoah. Lo Stato-fortezza è fragile e diviso
Israele ritira le truppe da Gaza sud
Israele ritira le truppe da Gaza sud
Approfondisci:

Guerra a Gaza, Israele teme l’imminente attacco dell’Iran. Tel Aviv, centomila in piazza contro Netanyahu, scontri con la polizia. Auto sui manifestanti: tre feriti. Katz in Italia

Guerra a Gaza, Israele teme l’imminente attacco dell’Iran. Tel Aviv, centomila in piazza contro Netanyahu, scontri con la polizia. Auto sui manifestanti: tre feriti. Katz in Italia

Le notizie in diretta

Approfondisci:

La vendetta di Teheran, massima allerta in Israele: "Attacco diretto possibile, rischio guerra regionale"

La vendetta di Teheran, massima allerta in Israele: "Attacco diretto possibile, rischio guerra regionale"
19:19
Giovani ebrei italiani: non ci sentiamo al sicuro nelle università 

"Anche i giovani ebrei d'Italia, che io rappresento, stanno combattendo la loro battaglia sottile e non violenta. Una battaglia di democrazia e diritti civili che ha luogo nelle aule e nelle strade quando dobbiamo nascondere le nostre abitudini, rivedere le nostre amicizie e quando non ci sentiamo sicuri all'interno delle nostre università". Lo ha detto Anna Tognotti, tesoriere Ugei, Unione giovani ebrei d'Italia, durante un evento organizzato alla Sinagoga di Milano a sei mesi dall'attacco di Hamas del 7 ottobre.

18:36
Halevi, "l'Idf può gestire qualsiasi minaccia dell'Iran"

Il capo di stato maggiore israeliano Herzi Halevi ha dichiarato che le sue forze armate sono in grado di gestire qualsiasi minaccia iraniana. "Possiamo agire con forza contro l’Iran in luoghi vicini e lontani. Stiamo collaborando con gli Stati Uniti e con partner strategici nella regione", ha detto in una dichiarazione televisiva. Le tensioni tra Iran e Israele sono aumentate la scorsa settimana dopo l’attentato israeliano contro la sua ambasciata a Damasco. Il maggiore generale Mohammad Hossein Bagheri, capo di stato maggiore dell’esercito iraniano, ha affermato che Teheran avrebbe scelto il tempo e il modo della sua risposta ai bombardamenti. 

17:14
Gerusalemme, migliaia di manifestanti chiedono il rilascio degli ostaggi

Migliaia di manifestanti si sono ritrovati vicino al parlamento israeliano a Gerusalemme per ricordare i sei mesi dal massacro di Hamas del 7 ottobre e chiedere al governo di garantire il rilascio degli oltre 100 ostaggi rimasti in mano dei gruppi terroristici nella Striscia di Gaza. Lo riporta il quotidiano israeliano The Time of Israel. I manifestanti chiedono anche le dimissioni del primo ministro Benjamin Netanyahu. All’evento hanno partecipato le famiglie degli ostaggi. 

16:43
Israele ritira la 98esima brigata da Gaza per future operazioni

L’esercito israeliano conferma di aver iniziato le operazioni di ritiro delle sue forze di terra schierate a sud di Gaza, dopo mesi di aspri combattimenti a Khan Younis. Lo riporta la Cnn citando le Forze di difesa israeliane che specificano di aver ritirato la 98esima brigata per prepararla a “future operazioni”. L'IDF ha aggiunto che “una forza significativa guidata dalla 162esima divisione e dalla brigata Nahal continua ad operare nella Striscia di Gaza con libertà di azione dell'IDF e capacità di condurre precise operazioni basate sull'intelligence”.

15:00
Usa: "Biden frustrato con Israele, deve fare di più"

L'amministrazione Biden è sempre più frustrata con la condotta militare di Israele e «questo è stato il messaggio centrale che il presidente ha recapitato al premier Benyamin Netanyahu nella telefonata dei giorni scorsi. Devono fare di più». Lo ha detto il portavoce del consiglio alla sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby. 

14:18
"Migliaia tornano a Khan Yunis dopo il ritiro dell'Idf"

Migliaia di famiglie palestinesi sfollate da Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, sono sulla via del ritorno in città dopo il ritiro dell'esercito israeliano dalla zona. Lo hanno riferito fonti locali che si trovano a Rafah dove si trovano centinaia di migliaia di sfollati. 

14:17
Fonte Israele: mandato significativo a team negoziale

Il Gabinetto di guerra ha conferito "un mandato significativo" alla squadra negoziale israeliana per i negoziati che da stasera ripartono al Cairo per una tregua e il rilascio degli ostaggi. Lo ha detto una fonte israeliana, citata dai media. Della squadra dovrebbero far parte il capo del Mossad David Barnea, quello dello Shin Bet Ronen Bar e il generale Nitzan Alon, responsabile dello sforzo di intelligence per liberare i rapiti. 

12:09
Netanyahu: Paese resti unito, siamo vicini alla vittoria

Il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha fatto un appello "all'unità del Paese" denunciando, in riferimento alle manifestazioni in tutta Israele contro la politica del governo, che "in queste ore una minoranza estrema e violenta sta cercando di trascinare il Paese nella divisione". "Non c'è niente che i nostri nemici desiderino di più. Vorrebbero che la divisione interna e l'odio gratuito ci fermassero poco prima della vittoria", ha aggiunto.

12:05
Netanyahu: "Iran dietro all'attacco del 7 ottobre"

"Questa guerra ha rivelato al mondo ciò che Israele ha sempre saputo: l'Iran sta dietro all'attacco contro di noi attraverso i suoi delegati". Lo ha detto il premier israeliano Benyamin Netanyahu aggiungendo "dal 7 ottobre siamo stati attaccati su molti fronti dagli affiliati dell'Iran: Hamas, Hezbollah, gli Houthi, le milizie in Iraq e Siria". "Israele - ha concluso - è pronto, in difesa e in attacco, a qualsiasi tentativo di colpirci, da qualsiasi luogo".

12:01
Netanyahu: nessun cessate il fuoco senza rilascio degli ostaggi

"Ho detto chiaramente alla comunità internazionale: non ci sarà cessate il fuoco senza il ritorno degli ostaggi". Lo ha detto il premier israeliano Benyamin Netanyahu nella riunione d governo. "Questa - ha aggiunto - è la politica del governo israeliano e accolgo con favore il fatto che l'amministrazione Biden abbia chiarito l'altro giorno che questa è anche la sua posizione". "Vorrei chiarire ancora una cosa: non è Israele a impedire un accordo ma Hamas. Le sue richieste estreme hanno lo scopo di porre fine alla guerra e lasciare intatta» la fazione islamica, ha aggiunto.

11:11
Il Papa: fermatevi per negoziare

"Non venga meno la nostra preghiera per la pace, una pace giusta, duratura, in particolare per la martoriata Ucraina, e per la Palestina e Israele. Lo spirito del Signore risorto illumini e sostenga quanti lavorano per diminuire la tensione e favorire gesti che rendano possibili i negoziati. Il Signore dia ai dirigenti la capacità di fermarsi un pò per trattare, per negoziare". Lo ha detto papa Francesco in un nuovo appello, oggi alla recita del Regina Coeli. 

11:10
Iran: nessuna ambasciata di Israele è più sicura

Un alto funzionario iraniano Yahya Rahim Safavi ha dichiarato che nessuna delle ambasciate israeliane nel mondo è più sicura, come riferisce l'agenzia di stampa Tasnim citata dalla Reuters sul suo sito. Il funzionario, un consigliere della guida suprema Yahya Rahim Safavi, ha parlato in seguito all'attacco attribuito a Israele al consolato iraniano a Damasco del primo aprile. Per il quale Teheran ha minacciato ritorsioni. Nei giorni scorsi Israele ha chiuso 30 ambasciate, compresa quella a Roma.

11:07
Delegazione di Hamas arrivata al Cairo per i colloqui

Una delegazione di Hamas è arrivata questa mattina al Cairo da Doha per una visita in Egitto che durerà diversi giorni, in risposta all'invito dell'Egitto a proseguire i negoziati per raggiungere un accordo sulla Striscia di Gaza. Lo riferiscono fonti aeroportuali. La delegazione è stata accolta all'aeroporto del Cairo, come di consueto, da alti funzionari dell'intelligence egiziana e accompagnata sotto scorta nel luogo dei negoziati. Ieri sera era arrivato al Cairo anche il capo della Cia William Burns.

10:12
Gallant: pronti a ogni evenienza contro l'Iran

In Israele, il ministro della Difesa Yoav Gallant ha detto che Israele ha "completato i preparativi per una risposta contro qualsiasi scenario che si svilupperebbe contro l'Iran". Ne ha parlato nel corso di un briefing con i vertici militari israeliani, presenti tra gli altri il responsabile delle operazioni dell'esercito, generale Oded Basiuk, e il capo della Direzione dell'intelligence militare, generale Aharon Haliva. 

09:21
Israele ritira tutte le truppe di terra da Gaza sud

L'esercito israeliano ha annunciato di aver ritirato tutte le truppe di terra combattenti dal sud della Striscia, dopo circa 4 mesi di forti combattimenti. Lo hanno riferito i media spiegando che solo la Brigata Nahal è rimasta sul posto con il compito di tenere in sicurezza il cosiddetto 'Corridoio Netzarim' che attraversa la Striscia, lungo la costa dal confine nord, nei pressi del kibbutz Beeri, fino al sud. Il corridoio in questione consente all'esercito - secondo i media - di condurre raid nel nord e nel centro della Striscia, impedisce ai palestinesi sfollati di rientrare nel nord dell'enclave palestinese e permette alle organizzazioni umanitarie di consegnare gli aiuti direttamente nel nord di Gaza.