Martedì 16 Aprile 2024

Il Portogallo svolta a destra. Boom dei populisti di Chega. Ma c’è l’incognita del governo

Dopo otto anni di governo socialista vince l’opposizione. Salvini si complimenta con Ventura

Il Portogallo svolta a destra. Boom dei populisti di Chega. Ma c’è l’incognita del governo

Il Portogallo svolta a destra. Boom dei populisti di Chega. Ma c’è l’incognita del governo

Dopo otto anni di governo socialista, il Portogallo vira a destra. Secondo i risultati, i portoghesi hanno premiato le forze di opposizione all’era politica di Antonio Costa: il fronte conservatore moderato di Alleanza Democratica è il primo partito, con un dato intorno al 29,7%. Exploit dei populisti di estrema destra del partito Chega e del suo leader Andre Ventura (foto), che raddoppiano i voti, passando dal 7% del 2022, al 18,8. Crollano i socialisti che si fermano al 28,7, molto lontano da quel 41% di due anni che riportò Antonio Costa al governo. Tuttavia la formazione del governo resta un’incognita e tutti gli scenari della vigilia restano aperti. Solo nei prossimi giorni si vedrà se si manterrà il patto tra tutte le forze politiche per tenere Chega lontano dal governo. In tarda serata sono arrivati a Ventura i complimentio di Matteo Salvini.

Per tutta la campagna elettorale, il conservatori di Alleanza Democratica hanno sempre escluso l’ipotesi di formare un esecutivo con gli estremisti di Ventura. Lo stesso leader moderato, Luis Montenegro ha confermato il suo veto, ma altri esponenti del suo partito non sono stati così netti su questo punto. Se però si manterrà questa sorta di "conventio ad excludendum", l’unica via che resta al Portogallo per avere un governo è la formula delle larghe intese tra i socialisti e i moderati, con un esecutivo magari guidato dallo stesso Montenegro.

Sarebbe il trionfo di un leader politico che è riuscito a sopravvivere politicamente per 25 anni e vedrebbe premiata la sua tenacia. Tutti davano la sua carriera ormai giunta al tramonto, magari dopo le europee di questa primavera, ma a fine novembre, in vista di queste elezioni anticipate, è stato confermato come candidato premier. Sul fronte progressista, Pedro Nuno Santos, classe 1977, coetaneo di Giorgia Meloni, è diventato il capo dei socialisti portoghese lo scorso dicembre. Il suo arrivo è stato visto come il segno di un cambio generazionale nel partito, ma anche come una netta svolta a sinistra. Soprannominato l’"enfant terribile" del Partito socialista, si è guadagnato la reputazione di ribelle e radicale più di dieci anni fa, quando il Portogallo era stato appena salvato dalla troika.