Domenica 21 Luglio 2024

Nave greca danneggiata da attacco Houthi nel Mar Rosso. Netanyahu: “Gli attacchi massicci a Rafah stanno finendo”

Migliaia di combattenti filo-Iran pronti a unirsi a Hezbollah. Il gruppo sciita libanese: colpita base a nord di Israele. Portavoce Idf: centrati obiettivi in sud del Libano. Fonti Striscia: tank Idf alla periferia dell'area umanitaria di al-Mawasi a Rafah

Roma, 23 giugno 2024 – Il leader di Hamas Yahya Sinwar sta prendendo tempo nei negoziati per un accordo di cessate il fuoco e liberazione degli ostaggi nella speranza che nel mentre scoppi una vera e propria guerra sul fronte libanese: lo riferisce Haaretz in base a informazioni fornite da un funzionario coinvolto nei colloqui. 

Intanto, mentre l’escalation in Libano appare sempre più vicina, la speranza di un accordo si fa invece sempre più remota e a Gaza si continua a morire. L’agenzia Wafa ha riferito di “almeno 10 palestinesi uccisi” oggi in raid israeliani contro una casa nel quartiere di Sabra e su un’altra a nord del campo profughi di Nuseirat. 

Bombardamento a Gaza (Ansa)
Bombardamento a Gaza (Ansa)

Segui le notizie in diretta 

21:46
Nave greca danneggiata da attacco Houthi nel Mar Rosso

Una nave mercantile e' stata danneggiata e membri del suo equipaggio leggermente feriti in un attacco di droni al largo delle coste dello Yemen. Gli Houthi hanno annunciato di aver preso di mira due navi, una colpita da "un attacco diretto", l'altra "con una serie di missili". uest'ultimo attacco e' avvenuto a circa 120 km a ovest della citta' portuale yemenita di Hodeida, ha detto l'agenzia britannica per la sicurezza marittima Ukmto. "Il capitano di una nave mercantile ha riferito di essere stato colpito da un drone che ha causato danni alla nave", si legge in una nota dell'agenzia, aggiungendo che "il mercantile si sta dirigendo verso il prossimo porto di scalo". Secondo Ambrey, un'altra agenzia di sicurezza marittima, si tratta di una nave portarinfuse battente bandiera liberiana e di proprieta' di un armatore greco.

18:55
Netanyahu: "I combattimenti a Rafah stanno finendo"

I pesanti combattimenti tra l'esercito israeliano e i miliziani di Hamas nella citta' di Rafah "sono quasi finiti". Lo ha detto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu in un'intervista con la rete israeliana Channel 14. "La fase intensa della lotta contro Hamas sta per finire. Cio' non significa che la guerra stia per finire, ma nella sua fase intensa a Rafah sta per finire", ha detto

13:27
Israele: soldato colpito da drone di Hezbollah

Un soldato israeliano è stato ferito dall'impatto di un drone esplosivo di Hezbollah vicino la comunità di Ayelet Hashahar, nel nord di Israele. Lo ha fatto sapere il portavoce militare. Hezbollah ha affermato di aver attaccato una base militare con diversi droni carichi di esplosivo e l'Idf ha riferito di averne intercettato uno.

12:20
Fonti Striscia: tank Idf alla periferia dell'area umanitaria di al-Mawasi

Residenti a Gaza - citati dai media internazionali - hanno riferito che i tank dell'Idf sono alla periferia dell'area umanitaria di al-Mawasi a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza. Secondo le stesse fonti, l'Idf è arrivato sul luogo dopo "intensi combattimenti" con i miliziani di Hamas. Sui social circolano foto di due tank israeliani sulla sommità della collina di fronte alla costa ma i media internazionali non hanno confermato l'attendibilità delle immagini. L'Idf questa mattina ha detto che a Rafah continuano le operazioni e che sono stati distrutti vari imbocchi di tunnel.

Tank di Israele a sud della Striscia di Gaza (Ansa)
Tank di Israele a sud della Striscia di Gaza (Ansa)
11:25
Divampati incendi nel nord di Israele per detriti droni dal Libano

Alcuni incendi sono divampati nel nord di Israele a causa dei detriti dei droni dal Libano caduti dopo essere stati intercettati dall'Idf. Lo confermato il portavoce militare. I pompieri sono al lavoro in particolare a Moshav Dishon, nell'Alta Galilea, nella foresta di Mashgav e ad Ayelet Hashar nella Valle naturalistica di Hula

09:18
Migliaia di combattenti filo-Iran pronti a unirsi a Hezbollah

Migliaia di combattenti di gruppi sostenuti dall'Iran in Medio Oriente sono pronti ad andare in Libano per unirsi a Hezbollah contro Israele se il conflitto dovesse degenerare in una guerra vera e propria, hanno detto funzionari delle fazioni sostenute da Teheran, citati sul sito dell'Ap. Scambi di fuoco quasi quotidiani si sono verificati lungo la frontiera del Libano con il nord di Israele dal 7 ottobre. I funzionari israeliani hanno minacciato un'offensiva militare in Libano se non ci sarà una fine negoziata per allontanare Hezbollah dal confine.

09:14
Wafa: 10 palestinesi uccisi in raid di Israele a Gaza centro

L'agenzia Wafa - che cita fonti a Gaza - ha riferito di "10 palestinesi uccisi in raid" israeliani su una casa nel quartiere di Sabra a Gaza City e su un'altra a nord del campo profughi di Nuseirat, sempre nel centro della Striscia. Fonti mediche locali parlano invece di 8 morti. L'esercito israeliano non ancora commentato il fatto.

Guerra a Gaza (Ansa)
Guerra a Gaza (Ansa)
08:30
Media: Hezbollah dicono di aver colpito base militare nel nord di Israele

Gli Hezbollah - citati dai media israeliani - hanno rivendicato di aver colpito con un drone "una base militare" a Beit Hillel nel nord di Israele. Non si hanno conferme per ora da parte dell'esercito. Nel frattempo, l'Idf ha sostenuto di aver centrato nella scorsa notte un complesso militare di Hezbollah e un posto di osservazione vicino al villaggio di KafarKila, nel Libano meridionale. Secondo la stessa fonte, alcuni membri di Hezbollah sono stati colpiti vicino al villaggio di Tayibe, nel sud del Libano.

08:11
Haaretz: Sinwar (Hamas) prende tempo, vuole guerra con il Libano

Il leader di Hamas Yahya Sinwar sta prendendo tempo nei negoziati per un accordo di cessate il fuoco e liberazione degli ostaggi nella speranza che nel mentre scoppi una vera e propria guerra sul fronte libanese: lo riferisce Haaretz in base a informazioni fornite da un funzionario coinvolto nei colloqui. "Hamas non vuole un accordo adesso", ha detto la fonte, "non vuole liberare gli ostaggi, ma piuttosto guadagnare tempo. Yahya Sinwar vuole che scoppi la guerra al confine settentrionale e quindi non si muoverà verso un cessate il fuoco", ha affermato.

Il leader di Hamas Yahya Al Sinwar (Ansa)
Il leader di Hamas Yahya Al Sinwar (Ansa)