Giovedì 13 Giugno 2024

Primo maggio di scontri in Francia: 300 fermati durante le proteste per la riforma delle pensioni. Molotov contro la polizia

Settecentomila in strada (oltre due milioni per il sindacato), i black block mettono a ferro e fuoco Parigi e Nantes: oltre 100 agenti feriti

Parigi, 1 maggio 2023 – La Francia a ferro e fuoco nel giorno della Festa dei Lavoratori. Sono quasi 300 le persone fermate, 90 a Parigi, durante la proteste del Primo maggio contro la riforma delle pensioni. Il dato è stato fornito dal ministero dell'Interno, secondo cui 108 agenti di polizia sono rimasti feriti. Di questi 20 nella capitale. Numeri “estramente rari” per questa data, sottolinea il ministro Gerald Darmanin. 

Scontri alla manifestazione contro la riforma delle pensioni a Parigi (Ansa)
Scontri alla manifestazione contro la riforma delle pensioni a Parigi (Ansa)

Sempre secondo gli Interni, sono poco più di 700mila le persone scese in strada a manifestare. Il sindacato Cgt ne conta invece 2,3 milioni, 550mila solo a Parigi. 

Al corteo parigino, dove si sono concentrati i ‘black block’, un migliaio stando alle autorità, diversi video mostrano poliziotti con gli abiti incendiati dopo essere stati bersaglio di molotov

Auto sono state date alle fiamme, pensiline degli autobus, negozi, banche, compagnie assicurative e agenzie immobiliari sono state vandalizzate. A Nantes molti feriti negli scontri, durati gran parte del pomeriggio, tra cui un manifestante colpito alla mano.  Anche qui i ‘black block’ si sono infiltrati nel corteo pacifico, con lanci di oggetti contro la polizia che ha risposto sparando gas lacrimogeni

Convocando la mobilitazione di oggi, il coordinamento intersindacale intende dimostrare che non ha accantonato la lotta contro la riforma previdenziale, anche se le strategia potrebbero divergere sul seguito da dare al movimento. In tutta la Francia erano previsti 300 cortei: 5mila poliziotti dispiegati a Parigi, 12mila in tutto il territorio nazionale. Per la prima volta i tribunali amministrativi hanno autorizzato il contestato ricorso ai droni, per garantire la sicurezza. Annullato il 25% dei voli programmati per la capitale.