Venerdì 24 Maggio 2024

Borotalco Johnson & Johnson accusato di provocare il cancro: l’azienda è pronta a pagare miliardi (ma continua a smentire)

Il piano (che dev’essere approvato dal 75% di ricorrenti per diventare operativo), prevede 6,475 miliardi di dollari in venticinque anni per reclami relativi a problemi ovarici. Gli altri disturbi riguardano il mesotelioma, o ‘cancro da amianto’

Johnson & Johnson pronta a pagare 6,5 miliardi di dollari per chiudere le cause sul talco

Johnson & Johnson pronta a pagare 6,5 miliardi di dollari per chiudere le cause sul talco

Roma, 2 maggio 2024 – Il colosso americano Johnson & Johnson è pronto a pagare 6,5 miliardi di dollari per porre fine alle cause civili sul talco accusato di provocare il cancro.

Il piano di J&J

Secondo il piano, J&J ha accettato di pagare circa 6,475 miliardi di dollari in venticinque anni per reclami relativi a problemi ovarici (99,75% dei reclami attuali). Gli altri disturbi riguardano il mesotelioma, soprannominato ‘cancro da amianto’, e vengono trattati separatamente. Il piano proposto prevede un periodo di tre mesi durante il quale i ricorrenti saranno informati della sua esistenza.

Le condizioni perché il piano sia convalidato

Il piano di J&J sarà convalidato se il 75% lo accetterà. Il gruppo precisa che gli avvocati dei ricorrenti che hanno collaborato al suo sviluppo “lo appoggiano”.

“Questo piano è il culmine della nostra strategia di risoluzione consensuale annunciata in ottobre”, ha spiegato Erik Haas, vicepresidente degli affari legali di J&J, citato in un comunicato stampa. ”Da quella data, il gruppo ha lavorato con gli avvocati che rappresentano la stragrande maggioranza dei ricorrenti per trovare una soluzione a questa controversia, che anticipiamo con questo piano", ha detto.

Le accuse al talco di J&J

Il talco di J&J è accusato di contenere amianto e di provocare il cancro alle ovaie. Cosa che l’azienda continua a smentire, anche se l’ha ritirato dal mercato nordamericano. Haas ha denunciato in questo senso la “distorsione degli studi scientifici”. Una sintesi degli studi pubblicati nel gennaio 2020 e riguardanti 250.000 donne negli Stati Uniti non ha trovato un legame statistico tra l’uso del talco sui genitali e il rischio di cancro alle ovaie.

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn