Wwf, lo spreco alimentare in Italia vale 15 miliardi

Sei miliardi nelle case e 9 dalla filiera

Wwf, lo spreco alimentare in Italia vale 15 miliardi

Wwf, lo spreco alimentare in Italia vale 15 miliardi

Lo spreco alimentare vale in Italia 15 miliardi di euro all'anno, circa un punto di Pil (senza considerare i costi ecologici): nelle case degli italiani si buttano nella pattumiera alimentari per circa 6 miliardi di euro ogni anno, a cui vanno aggiunti 9 miliardi euro dello spreco di filiera. Eppure nel nostro paese cresce il numero di persone che faticano a nutrirsi regolarmente, e oltre il 9,4% della popolazione versa in condizione di povertà. Lo scrive il Wwf in un comunicato in occasione della Giornata nazionale per la prevenzione dello spreco alimentare. Per il Wwf, ogni italiano getta nella spazzatura 300 euro di cibo ogni anno. In questo cibo sono presenti 140 miliardi di litri di acqua. In Italia, secondo i dati dell'Osservatorio Waste Watcher, nonostante una maggior attenzione agli sprechi alimentari, gettiamo individualmente poco meno di mezzo chilo di cibo a testa ogni settimana, circa 25 kg in un anno, con in testa frutta e verdura fresca, latte, yogurt, pane. Se lo spreco alimentare fosse un Paese, sarebbe il terzo maggiore produttore di gas climalteranti, dopo gli Usa e la Cina. Lo spreco di cibo è responsabile del 20% del consumo di acqua dolce e di fertilizzanti e del 30% dell'uso globale dei terreni agricoli. Il valore economico del cibo sprecato a livello globale si aggira intorno a 1.000 miliardi di dollari all'anno, ma sale a circa 2.600 miliardi di dollari se si considerano alcuni dei costi nascosti legati all'acqua e all'impatto ambientale. Nei Paesi ad alto reddito, le perdite si verificano soprattutto a livello di post-vendita e di consumo, e variano tra 124 e 154 kg pro capite all'anno. Il costo economico è stimato al 10-25% della spesa alimentare annua delle famiglie.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro