Sace, smart working illimitato. Niente più timbrature e controlli

Sace lancia Flex4Future, un modello di organizzazione del lavoro flessibile, senza controlli sulle timbrature e con smart working illimitato. Il cambiamento, raggiunto con l'accordo sindacale, coinvolgerà 950 lavoratori, monitorati dall'Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano. Microsoft Italia supporta la transizione digitale.

Alessandra Ricci, amministratore delegato Sace
Alessandra Ricci, amministratore delegato Sace

Abolizione dei controlli sulle timbrature per i dipendenti, indipendentemente dal loro livello, con la possibilità di distribuire autonomamente i carichi orari e uno smart working "activity-based" illimitato: sono questi i pilastri di Flex4Future, l'organizzazione del lavoro flessibile lanciata da Sace.

Tale nuovo assetto, raggiunto con l'accordo delle organizzazioni sindacali, coinvolgerà i 950 lavoratori del Gruppo, senza alcuna modifica del trattamento normativo ed economico. Inoltre, sarà sperimentata su base volontaria la settimana di 4 giorni (per un totale di 36 ore), con la possibilità di scegliere qualsiasi giorno per il riposo sulla base di una programmazione mensile a livello di area.

L'amministratore delegato di Sace, Alessandra Ricci, ha definito questo cambiamento come "un nuovo importante passo nella trasformazione culturale intrapresa un anno fa con il Piano Industriale di Sace, Insieme2025, che, grazie ai valori quali fiducia reciproca, trasparenza e responsabilizzazione, rafforzerà la nostra efficacia, garantendo benessere, senso di appartenenza e un sano equilibrio tra vita personale e professionale di tutti i colleghi".

L'efficacia e l'impatto di Flex4Future saranno monitorati dall'Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano. Secondo Mariano Corso, Responsabile Scientifico dell'Osservatorio, "la flessibilità è diventata un aspetto fondamentale dell'esperienza lavorativa che, se adeguatamente concepita e accompagnata, può permettere di migliorare le prestazioni dell'organizzazione e il benessere dei lavoratori e delle lavoratrici". Il monitoraggio serve a "orientare le scelte organizzative e verificarne efficacia e sostenibilità nel tempo".

Per quanto riguarda la parte tecnologica, lo sviluppo del nuovo modello si avvarrà anche della partnership di Microsoft, con cui Sace già collabora nel processo di transizione digitale. "Le soluzioni avanzate per la collaborazione e la produttività, che in futuro saranno ulteriormente potenziate dall'Ai Generativa, consentono alle organizzazioni di valorizzare tutte le persone", ha commentato l'amministratore delegato di Microsoft Italia, Vincenzo Esposito. Sace "è una delle prime aziende italiane ad abbracciare il cambiamento verso questo nuovo paradigma".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro