Martedì 11 Giugno 2024

Regione Fvg vuol rilanciare tutta l'area industriale ex Wartsila

Mimit, 'riattivare Adp per riconversione area di crisi Trieste'

Regione Fvg vuol rilanciare tutta l'area industriale ex Wartsila

Regione Fvg vuol rilanciare tutta l'area industriale ex Wartsila

"Abbiamo inoltrato al ministero delle Imprese e del Made in Italy la richiesta di riattivazione dell'accordo di programma tra governo e Regione per attuare il piano di riconversione e riqualificazione industriale (Prri) dell'Area di crisi industriale complessa di Trieste", per "attivare risorse statali, da gestire con la Regione, mettere in campo strumenti innovativi per garantire lo sviluppo dell'area industriale e la riconversione eventuale e riposizionamento delle aziende insediate". Lo ha annunciato l'assessore Fvg alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini, a margine dell'incontro al Mimit. Oggi è proseguito il confronto sulla definizione dell'Accordo di programma per la dismissione e reindustrializzazione dello stabilimento Wartsila di San Dorligo della Valle (Trieste). Con il decreto legge 26 aprile 2013, n. 43 è stata individuata l'area di crisi industriale complessa di Trieste, seguita, il 30 gennaio 2014, dell'accordo di programma Governo -Regione per gli interventi di riqualificazione delle attività industriali e portuali e del recupero ambientale, con durata triennale. Oggi i tecnici del Mimit hanno confermato che sono in corso le analisi ministeriali per valutare il rinnovo dell'accordo. E' stato anche specificato che il progetto prevede che, a regime, Msc produca mille carri ferroviari e tremila carrelli annui, impiegando i 300 lavoratori di Wartsila. Con un'attività di manutenzione e di servizi e ulteriori addetti. "Siamo anche disponibili - ha aggiunto Bini - a cofinanziare l'intervento del Mimit, qualora Invitalia attivasse il 'Contratto di sviluppo' a sostegno dell'investimento di Msc". La Regione è anche disponibile a coordinare il tavolo per l'infrastrutturazione ferroviaria per l'insediamento Msc con un contributo, affinché il sito sia servito da ferrovia, "con il tramite del Coselag". L'intervento prevede la realizzazione di 5 fasci di binari e il raccordo con i binari che già arrivano a San Dorligo. Il prossimo incontro al Mimit è il 23 aprile.