Lunedì 22 Aprile 2024

Mit, sperimentazione con bodycam per il personale Trenitalia

Si parte dall'Emilia Romagna con 30 capitreno su base volontaria

Mit, sperimentazione con bodycam per il personale Trenitalia

Mit, sperimentazione con bodycam per il personale Trenitalia

Parte dall'Emilia Romagna la sperimentazione - di Fs Security e Trenitalia Tpr - delle "bodycam per i capitreno" di Trenitalia, l'ultimo strumento in ordine di tempo per "la sicurezza dei viaggiatori e del personale sui convogli". Lo si legge sul sito del Mit. Trenta i capitreno che, su base volontaria, hanno aderito a questa prima fase del progetto: indossata la piccola videocamera sarà sempre accesa, ma non in modalità di registrazione. Sarà il lavoratore a decidere se e quando attivarla. Ad esempio in caso di minaccia, di aggressione o di comportamenti violenti. Uno strumento, adottato in accordo con i sindacati, che risponderà a precise prescrizioni a tutela della privacy dei viaggiatori e che si aggiunge ad altre misure di sicurezza, come ad esempio il team dei vigilantes di Fs Security, spiega il ministero. Inoltre tutti i nuovi treni regionali sono dotati di telecamere e di un sistema di videosorveglianza live: in caso di necessità il capotreno può contattare direttamente, attraverso un numero dedicato, la Polizia Ferroviaria per la richiesta di intervento immediato. Il ministro Matteo Salvini "segue con grande attenzione questi dossier e ha espresso soddisfazione per le novità", sottolinea il ministero.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro