Mediobanca, innovare 'paga' ma solo il 5% delle Pmi lo fa

Studio con Google. Il Pil accelererebbe dello 0,7% in 5 anni

Mediobanca, innovare 'paga' ma solo il 5% delle Pmi lo fa
Mediobanca, innovare 'paga' ma solo il 5% delle Pmi lo fa

Essere innovatori 'paga', anche nel settore manifatturiero, ma sono ancora poche le piccole e medie imprese italiane che lo fanno, pur avendo il capitale necessario per fare gli investimenti richiesti. Spesso è una barriera culturale, a volte una visione di breve termine e il Governo potrebbe intervenire, sul fronte degli incentivi fiscali o della formazione, perchè a beneficiarne sarebbe tutto il paese con un'accelerazione del Pil stimata "dello 0,7% in 5 anni". Sono le evidenze di uno studio studio dal titolo "It's all about IT", presentato in occasione della sesta Mid Cap Conference e realizzato da Mediobanca Research in collaborazione con Google, che ha contribuito all'identificazione delle tecnologie con potenziale trasformativo. "Nel tempo, strutturalmente, le imprese innovatrici superano le concorrenti per fatturato, crescita degli attivi, margini e per cash flow - mostra Andrea Filtri che ha curato la ricerca - ma il punto è che solo il 5% del campione (600 imprese, ndr) è innovatore e non perchè non abbiano soldi per gli investimenti, più dell'80% sarebbe in grado di sostenerli; emerge invece un fattore culturale e il timore dell'impatto nel breve di investimenti pesanti". Invece "appena 1 miliardo per il campione, un investimento ragionevole, (28 miliardi parametrati a livello paese) varrebbe molto: un'accelerazione del pil nazionale dello 0,7% in 5 anni senza calcolare le ricadute positive indirette".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro