Enea, intelligenza artificiale per più sicurezza sul lavoro

Test in due aziende, farmaceutica e di lavorazione dei metalli

Enea, intelligenza artificiale per più sicurezza sul lavoro
Enea, intelligenza artificiale per più sicurezza sul lavoro

Enea ha sviluppato nuovi strumenti basati sull'intelligenza artificiale per misurare e migliorare sicurezza ed efficienza nei luoghi di lavoro. I primi test sono stati condotti con risultati positivi in due contesti lavorativi diversi, una multinazionale farmaceutica e un'azienda italiana di lavorazione dei metalli. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista internazionale Journal of Industrial Information Integration e rientra nel progetto internazionale "Human-Centred Safety Crowd-Sensitive Indicators", al quale hanno partecipato Enea (coordinamento), Sapienza Università di Roma, Middlesex University di Londra, l'azienda Human Factors Everywhere e Inail che ha finanziato la quota italiana. "La metodologia e gli strumenti software che abbiamo sviluppato sono pensati per garantire l'efficienza e la sicurezza nelle imprese moderne dove i processi produttivi prevedono l'interazione tra persone, strumentazione fisica e componenti tecnologiche, tra cui robot, droni, software e sensori. In gergo tecnico, ci riferiamo a sistemi cyber-socio-tecnici", spiega Antonio De Nicola, ricercatore del Laboratorio Enea di Analisi e protezione delle infrastrutture critiche e coautore dello studio insieme alla collega Maria Luisa Villani, Francesco Costantino, Andrea Falegnami e Riccardo Patriarca di Sapienza Università di Roma, Mark Sujan di Human Factors Everywhere e John Watt della Middlesex University. Il team di esperti ha definito un nuovo indicatore di resilienza per cogliere il disallineamento tra procedure formali (Work-As-Imagined) e lavoro concretamente svolto dagli operatori in fabbrica e nei cantieri (Work-As-Done). "Spesso efficienza e sicurezza sono messi a rischio da questo disallineamento, in quanto nella realtà esistono più modi di 'vedere' lo stesso processo lavorativo e può succedere che i lavoratori possano cambiare, per necessità, quanto stabilito dal protocollo. Ma molti di questi cambiamenti possono essere potenzialmente pericolosi se si è, ad esempio, in una centrale elettrica o in un cantiere edile", sottolinea De Nicola.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro