Lunedì 17 Giugno 2024

Confindustria-Unesco per una road map sulla formazione continua

Brugnoli, 'Inizia una collaborazione a disposizione del Paese'

"In un contesto di rapida evoluzione del mercato del lavoro, la formazione continua assume un ruolo cruciale per lo sviluppo dell'Italia, soprattutto nel settore manifatturiero". E' il messaggio sottolineato dalla Rete delle Cattedre Unesco Italiane, Confindustria e la Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco, oggi con un seminario dedicato all'apprendimento permanente per "una analisi approfondita" e per lanciare "una road map che indica le strategie future e individua le aree in cui colmare le lacune". Appuntamento in coincidenza con il decimo anniversario dell'Unesco Global Network of Learning Cities, rete che coinvolge 292 città in 76 paesi e oltre 310 milioni di cittadini. L'Unesco "svolge un ruolo encomiabile nella promozione del Life Long Learning e auspichiamo che l'Italia possa seguirne le indicazioni in modo da rafforzare questo importante settore educativo", sottolinea Franco Bernabè, presidente della commissione nazionale italiana per l'Unesco. Per Giovani Brugnoli, vicepresidente per il Capitale Umano di Confindustria quello dell'apprendimento continuo è "un valore che le nostre imprese sperimentano ogni giorno, partecipando ai processi formativi di scuole, Its e Università, o attraverso i fondi interprofessionali. È l'inizio di una collaborazione Unesco-Confindustria che metteremo a disposizione del Paese e delle sue istituzioni". Le Cattedre Unesco italiane sono "ancora una volta sono in prima fila nel porre a disposizione del nostro Paese e della pace tutte le proprie competenze, conoscenze e passioni", aggiunge il portavoce Patrizio Bianchi.