Concessione balneari a Venezia fino al 2024

La Giunta comunale di Venezia ha prorogato la concessione demaniale balneari fino al 10 dicembre 2024 per dare continuità ai servizi offerti dai concessionari e valorizzare il lavoro fatto sul litorale. Nuovo Regolamento per l'Uso del Demanio Marittimo a Finalità Turistico-Ricreative.

Balneari: Venezia rinnova concessione fino a dicembre 2024
Balneari: Venezia rinnova concessione fino a dicembre 2024
La Giunta comunale di Venezia ha rinnovato la concessione demaniale balneari fino al 10 dicembre 2024, delibera approvata nell'ultima seduta del 2023. A causa del clima di incertezza normativa e giurisprudenziale, l'amministrazione ha deciso di prendersi la responsabilità di questa decisione, volta a garantire la continuità dei servizi offerti dai concessionari, a beneficio del turismo e del territorio. Secondo l'assessore Zuin, che segue specificatamente le questioni relative alla conferenza dei sindaci del Litorale e delle attività demaniali balneari, si tratta di una proroga 'tecnica', in linea con quanto stanno facendo altre amministrazioni, necessaria affinché gli attuali concessionari possano esercitare l'attività per l'anno 2024. L'assessore ha spiegato che, in una materia di competenza dello Stato, l'amministrazione ha assunto la responsabilità di non lasciare i titolari con le concessioni scadute a fine 2023, con tutti i pericoli sottesi per le loro attività. Una seconda delibera, da approvare dal Consiglio comunale, adotta un "Nuovo Regolamento per l'Uso del Demanio Marittimo a Finalità Turistico-Ricreative". Questa seconda delibera, secondo l'assessore Zuin, servirà per dare chiarezza alle procedure e valorizzare il lavoro fatto fino ad ora sul litorale. L'amministrazione, a fondamento della 'proroga tecnica', esaminerà le istanze di nuove concessioni, presentate da alcuni degli attuali titolari e procederà, salvo novità legislative nel breve periodo, anche allo svolgimento delle procedure ad evidenza pubblica per gli altri. L'obiettivo è quello di dare certezza e tranquillità, affinché i concessionari possano effettuare i propri investimenti.
è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro