Venerdì 14 Giugno 2024

Coldiretti, un milione di firme a tutela dell'agroalimentare

Produzione del territorio e Made in Italy vanno salvaguardati

Coldiretti, un milione di firme a tutela dell'agroalimentare

Coldiretti, un milione di firme a tutela dell'agroalimentare

Dall'etichetta d'origine Ue su tutti i prodotti alimentari al sostegno delle aziende agricole contro le pratiche sleali fino alla semplificazione burocratica. Sono i capisaldi della proposta di Coldiretti alle istituzioni europee, più volte lanciata nelle ultime settimane nel corso di partecipate manifestazioni a Bruxelles e al Brennero e rilanciata oggi ancora una volta al convegno di Coldiretti Fvg. Con un obiettivo particolare: raccogliere un milione di firme per l'iniziativa di legge popolare per la salvaguardia dell'agroalimentare del territorio, come ha annunciato il presidente di Coldiretti Fvg, Martin Figelj. "Il nostro Paese, grazie al pressing della Coldiretti, ha fatto ancora una volta da apripista con la legge per fermare il cibo artificiale, risultato straordinario che tutela la qualità, la salute e i primati del made in Italy - ha indicato Figelj - Ma all'Europa chiediamo la revisione del criterio dell'ultima trasformazione del Codice doganale dell'Unione e del luogo di provenienza, che permette di vendere come italiano, magari con il nome "nostrano" o "di fattoria", un prosciutto fatto con cosce di maiale provenienti dall'estero". Per Figelj serve anche "insistere sul principio di reciprocità, così da proibire l'importazione di cibo trattato con sostanze e metodi vietati in Europa che non rispettano le stesse normative comunitarie in fatto di sicurezza alimentare, tutela dell'ambiente e del lavoro. Una concorrenza sleale".