Clima, 398 disastri nel 2023 costati 380 miliardi di dollari

Aon, perdite assicurative oltre 100 miliardi, Italia 600 milioni

Clima, 398 disastri nel 2023 costati 380 miliardi di dollari

Clima, 398 disastri nel 2023 costati 380 miliardi di dollari

Le 398 catastrofi naturali a livello globale nel 2023 hanno causato perdite economiche per 380 miliardi di dollari (rispetto ai 355 miliardi nel 2022), il 22% in più rispetto alla media del XXI secolo, mentre le perdite assicurative globali sono state del 31% superiori alla media del XXI secolo, superando i 100 miliardi per il quarto anno consecutivo. Con le coperture per solo 118 miliardi di dollari (151 miliardi nel 2022), il "gap di protezione" si è attestato al 69% (58% nel 2022), evidenziando l'urgenza di ampliare la capacità assicurativa. E' quanto emerge dal report annuale Climate and Catastrophe Insight di Aon, consulente per la gestione dei rischi e dei programmi assicurativi, secondo cui Italia, Slovenia, Croazia, Grecia e Nuova Zelanda hanno registrato le maggiori perdite assicurate di sempre, a livello nazionale, dovute ad eventi meteorologici e climatici. L'Italia, con l'alluvione in Emilia-Romagna a maggio, "ha registrato il sesto evento catastrofale a livello mondiale per perdita economica, pari a 9,8 miliardi di dollari, e perdite assicurate per 600 milioni di dollari, evidenziando un importante gap di protezione. A luglio, l'avvicendarsi di ripetuti temporali nel Nord Italia ha causato pesanti grandinate, il cui costo per il mercato assicurativo ha raggiunto i 3,7 miliardi", afferma il rapporto. Infine, l'alluvione in Toscana a cavallo tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre ha generato perdite economiche per circa 2 miliardi di euro. Anche in questo caso è stato osservato un notevole gap di protezione assicurativa, con perdite per il mercato assicurativo nell'ordine dei 500 milioni di euro.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro