Circolarità cresce, ma regioni non avanzano su sostenibilità

Il Rapporto ASviS sulle Regioni mostra una fotografia della sostenibilità non confortante: pochi obiettivi raggiunti, aumento delle disuguaglianze, criticità sull'efficienza idrica, energia, suolo, rifiuti e istituzioni. Eccezioni positive Valle d'Aosta e Toscana.

Regioni non avanzano su sostenibilità, ma cresce circolarità
Regioni non avanzano su sostenibilità, ma cresce circolarità
Avanzando sulla salute e l'economia circolare, ma arretrando su molti obiettivi dell'Agenda 2030, dalla povertà alle risorse idriche, alle istituzioni: la fotografia della sostenibilità che emerge dal nuovo Rapporto ASviS sulle Regioni non è incoraggiante. Eccezioni positive sono rappresentate dalla Valle d'Aosta e dalla Toscana, mentre tra quelle che mostrano le peggiori performance si segnalano il Molise e la Basilicata, che presentano un arretramento rispetto al 2010 per ben sei obiettivi. Inoltre, aumentano le disuguaglianze territoriali: complessivamente, le differenze di performance tra territori crescono per sette obiettivi, diminuiscono solo per due e restano invariate per cinque. Ad esempio, tra gli obiettivi a carattere sociale, 14 Regioni e Province autonome hanno la possibilità di ridurre sotto il 9% la dispersione scolastica e 15 di fornire servizi per l'infanzia per il 33% degli aventi diritto. Di contro, in 12 territori la quota di laureati sta diminuendo, allontanandosi dall'obiettivo del 50% di laureati (in età 30-34 anni). Tra gli obiettivi con forti criticità, si segnalano l'efficienza idrica, la riduzione del 20% dell'energia consumata e l'azzeramento del consumo di suolo, per i quali in circa due/terzi dei territori la situazione sta peggiorando, nonostante nessuna Regione o Provincia autonoma sembri avere la possibilità di raggiungerli entro il 2030. Per gli obiettivi a orientamento economico, la copertura della rete Gigabit per tutte le famiglie appare raggiungibile da 18 territori. Al contrario, una situazione critica per la riduzione di rifiuti urbani: in 15 territori, infatti, tale produzione sta aumentando e in nessuna area si registrano miglioramenti significativi. Per i temi a carattere istituzionale, infine, si segnala che, nonostante l'obiettivo di ridurre del 40% la durata dei procedimenti civili, in 12 territori su 21 essa sta aumentando, rendendo così irraggiungibile tale obiettivo.
è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro