Borsa: Milano piatta con l'Europa, attesa l'inflazione Usa

Brilla Diasorin, scende Amplifon

Piazza Affari è piatta (+0,05%) al pari delle altre Borse europee che continuano a oscillare intorno alla parità in attesa del Pce core, l'indicatore sull'indicatore sull'inflazione più guardato dalla Fed, che potrebbe spingere la banca guidata da Jerome Powell a tagliare i tassi a partire da marzo prossimo. In questa prospettiva, mentre l'azionariato è al palo con Francoforte -0,06%, Parigi invariata e Londra +0,07%, dopo il dato sul Pil nel Regno Unito che rafforza il rischio che il paese vada in recessione, sui mercati valutari il dollaro è in discesa dell'1% sull'euro così come sulle altre monete. In leggero calo poi i rendimenti dei titoli di Stato: lo spread Btp Bund è a 159,8 col rendimento del bond italiano al 3,56%. A Milano sul podio si è portata Diasorin (+1,62%), davanti a Eni (+0,53%) all'indomani della vendita del 9% di Plenitude e grazie al greggio in rialzo. Salgono poi Generali (+0,5%) e Mediobanca (+0,4%), annulla i guadagni iniziali Tim (+0,03%). Fuori dal paniere principale viene promosso il polo delle macchine da caffè De' Longhi (+2%). Le peggiori sono invece Amplifon (-1,23%), Moncler (-0,64%) e Stm (-0,51%).

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro