Borsa: Milano aggiorna i massimi con Iveco, Leonardo e Saras

Bene Ferrari, Banco e Stellantis, male le utility con Erg e A2A

Piazza Affari chiude l'ultima seduta della settimana in rialzo dello 0,3%, schivando la debolezza che ha contagiato le altre Borse europee, e aggiorna i massimi dal 2008, con il Ftse Mib che tocca 31.156 punti. A trainare il listino l'automotive, con in testa Iveco (+7,7%), premiata dopo i risultati 2023, davanti a Ferrari (+2,1%) e Stellantis (+1,5%). Bene anche Leonardo (+3,3%) mentre i bancari si sono mossi a due velocità: Banco Bpm (+2,1%) è stata premiata dopo il ritocco della cedola, assieme ad Unicredit (+0,8%), mentre hanno pagato dazio Mediobanca (-1,7%), a cui non è bastato un utile trimestrale leggermente superiore alle attese degli analisti, Mps (-1,2%) e Intesa (-1,1%). Male i titoli delle utilities e dell'energia, con Erg (-2,7%), A2A (-2,6%), Hera (-2,4%), Terna (-1,5%) ed Enel (-1,3%) tra i peggiori. Fuori dal Ftse Mib strappa Saras (+8%) sull'interesse di Vitol per rilevare la quota della famiglia Moratti, mentre crolla Cementir (-8,1%) dopo i risultati diffusi ieri a Borsa chiusa.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro