Lunedì 17 Giugno 2024

Borsa: l'Europa riparte dopo il voto, i bond restano deboli

Occhi alla Fed di domani. I rendimenti di Btp e Oat sui massimi

Borsa: l'Europa riparte dopo il voto, i bond restano deboli

Borsa: l'Europa riparte dopo il voto, i bond restano deboli

Le Borse europee provano a ripartire dopo gli scossoni legati al voto europeo mentre l'attenzione degli investitori si sposta verso le decisioni della Fed e i dati sull'inflazione americana di domani. Parigi avanza dello 0,3%, Francoforte e Londra dello 0,2% mentre Milano è incerta (-0,05%). Segni più evidenti dell'avanzata delle destre sovraniste e populiste rimangono sui titoli di Stato, con lo spread Btp-Bund che si mantiene a quota 140 punti base e il rendimento del decennale italiano fermo al 4,07%, massimo dallo scorso dicembre. Sui bond dell'Eurozona pesano anche gli avvertimenti della presidente della Bce, Christine Lagarde, su una traiettoria "non lineare" nel taglio dei tassi. L'incertezza legata ai nuovi equilibri politici fiacca soprattutto sugli Oat francesi, i cui rendimenti salgono di due punti base, al 3,24%, aggiornando i massimi da novembre, in attesa del voto anticipato di fine giugno. In lieve recupero l'euro, che scambia a 1,076 con il dollaro. A Piazza Affari scivola Banco Bpm (-2,2%), tagliata da Morgan Stanley, che individua in Mediobanca (+0,5%) e Intesa (-0,3%) i suoi 'top picks' nel settore bancario italiano. Deboli Moncler (-1,3%), Snam (-1,2%), Unipol (-0,9%), Terna (-0,9%) e Inwit (-0,9%) mentre si mettono in luce Iveco (+1,4%), Amplifon (+1,4%) e Nexi (+0,7%).