Assoutenti, a Roma le bollette del gas più care

A Milano e Trento le offerte di mercato libero più convenienti

Sul mercato libero del gas, Roma è la città italiana con le bollette più care, sia a prezzo fisso che a prezzo variabile, seguita da Palermo e Catanzaro. Le tariffe migliori per il gas sono a Trento e a Milano, seguite da Bolzano e Trieste. Lo rivela una indagine in 20 città italiane realizzata da Assoutenti in vista della fine del mercato tutelato del gas, il 10 gennaio. L'associazione di consumatori ha messo a confronto le migliori offerte reperibili sul "Portale offerte" di Arera, sia per i contratti a prezzo fisso che per quelli a tariffa variabile, per una famiglia che consuma 1.400 metri cubi di gas all'anno. Per quanto riguarda i contratti a prezzo fisso, a Roma si registra la spesa maggiore per chi oggi sceglie un operatore del mercato libero: la migliore offerta prevede una bolletta media annua del gas da 2.045 euro. Al secondo posto tra le principali città si piazza Catanzaro, con una bolletta media da 2.032 euro annui a famiglia, seguita da Palermo con 2.024 euro. La città con la migliore offerta a prezzo bloccato è Milano: una famiglia che oggi passa al mercato libero si ritrova una bolletta da 1.816 euro annui, con un risparmio pari a 229 euro rispetto a Roma. Seguono Trieste, Bolzano e Trento con una bolletta media del gas di circa 1.837 euro annui. Anche per i contratti a prezzo variabile, ossia quelli indicizzati all'andamento del costo dell'energia, Roma detiene il primato della bolletta "stimata" più cara, con una media di 1.754 euro annui a famiglia scegliendo oggi l'offerta più conveniente sul sito di Arera. Seguono Catanzaro (1.739 euro annui) e Palermo (1.723 euro annui). La città con il contratto a prezzo variabile più conveniente è Trento, con una bolletta media stimata in 1.553 euro annui a famiglia, seguita da Trieste, Bolzano e Milano con circa 1.554 euro.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro