Terremoto a Pitti Uomo 105: Sistema Moda Italia esce da Confindustria

Il presidente Tamborini: “Abbiamo bisogno di procedere in modo più rispondente alle necessità del momento”

Sergio Tamborini, presidente di Sistema Moda
Sergio Tamborini, presidente di Sistema Moda

La notizia è arrivata stamani alle 11 mentre era in corso l’inaugurazione ufficiale di Pitti Uomo 105 e poco prima che il presidente di Sistema Moda Italia Sergio Tamborini facesse il suo documentato intervento. Una “bomba” visto il clima che tra le due istituzioni della moda c’è stato fino ad oggi: Sdal 1 gennaio di quest’anno Sistema Moda Italia non è più parte di Confindustria Moda, alla quale rimangono aderenti Assocalzaturifici, Anfao ((Associazione Nazionale Fabbricanti Articoli Ottici), Assopellettieri, Aip (Associazione Italiana Pellicceria) e Unic (Concerie Italiane).

La collaborazione tra Sistema Moda Italia e Confindustria Moda proseguirà su tavoli e servizi comuni. Sistema Moda Italia continuerà, invece, in autonomia le attività di rappresentanza istituzionale presso i referenti politici nazionali ed europei e le classiche attività associative di tutela del settore tessile&abbigliamento.

Il presidente di Sistema Moda Italia, Sergio Tamborini, ha detto: “Stiamo costruendo un nuovo sistema moda. Abbiamo esercitato il nostro diritto di recesso per una scelta legata all’evoluzione degli scenari: di fronte a normative europee che impongono al tessile & abbigliamento processi e percorsi che hanno tempi e modi differenti da altri settori, abbiamo bisogno di procedere in maniera più rispondente alle necessità del momento. Rimaniamo aperti nei confronti di tutti coloro che vogliano partecipare a un progetto di crescita”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro