Giovedì 11 Aprile 2024

Sanzioni tributarie più morbide: "Allineate al livello europeo"

Ultime limature del governo sulle nuove norme. Il decreto domani in Cdm

Sanzioni tributarie più morbide: "Allineate al livello europeo"

Il viceministro Maurizio Leo

Sanzioni amministrative ridotte e allineate al livello europeo. E norme di coordinamento per quelle penali. Arriva la rivisitazione del sistema delle sanzioni tributarie, il nuovo tassello della riforma fiscale che il viceministro dell’Economia Maurizio Leo sta ultimando in vista del prossimo consiglio dei ministri, che dovrebbe riunirsi domattina.

Sono in corso le "ultime limature" per portare il nuovo dlgs sul tavolo del cdm, annuncia Leo, intercettato in Transatlantico. E spiega: si interverrà "in linea con quanto previsto dalla delega, sulla proporzionalità delle sanzioni amministrative" ma anche su quelle "penali, per fare chiarezza ad esempio su crediti non spettanti o inesistenti". Leo ripete da tempo la necessità di correggere l’attuale sistema, che ha sanzioni "da esproprio", come nel caso dell’Iva dove si va dal 120 al 240%. Un’urgenza indicata anche dalla Corte costituzionale - ricorda sempre il viceministro -, che ha messo nero su bianco la necessità che le sanzioni tributarie siano "proporzionate".

L’obiettivo di Leo è riportarle al livello europeo, arrivando al massimo al 60%, escluse però frodi e truffe. Nel decreto dovrebbe comparire, in linea con i principi della delega, anche l’esclusione della punibilità per omesso versamento delle imposte per chi ha avuto difficoltà finanziarie, a patto che rateizzi e saldi il dovuto. Sul fronte delle sanzioni penali la linea è quella di "arrivare ad una sorta di ‘reductio ad unum’ che consenta l’utile armonizzazione del profilo sanzionatorio fiscale con quello sanzionatorio penale, evitando la duplicazione delle sanzioni", spiegava nei giorni scorsi il viceministro della Giustizia Francesco Paolo Sisto, indicando il cambio di passo: "Non più la rigidità di un fisco nemico del privato, ma la scelta di un diritto amico che non penalizzi e, dove possibile, aiuti chi agisce correttamente".

Il nuovo provvedimento è il nono decreto attuativo della riforma, che procede a ritmo spedito con l’obiettivo ambizioso del ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti di concludere la riscrittura del sistema fiscale "entro la primavera". Dopo questo decreto, lo step successivo, già indicato da Leo, dovrebbe essere quello sulla riscossione. Poi toccherà al capitolo dei tributi, legato però al nodo delle coperture finanziarie. Infine, la rateizzazione dei tributi per le partite Iva.

Red. Eco.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro