Due miliardi e 650 milioni di euro. È questa l’offerta vincolante del fondo australiano Macquarie Infrastructure & Real Assets (Mira) per l’acquisto del 50% del capitale di Open Fiber, posseduto da Enel. La cifra sul piatto è al netto dell’indebitamento, con meccanismi di aggiustamento ed earn out.

L’ad di Enel, Francesco Starace (foto), ha spiegato che, per valutare l’offerta, la società si prenderà "alcune settimane, un mese". Il cda resta "in attesa di essere aggiornato circa i dettagli che dovessero emergere a valle delle necessarie attività di approfondimento con Mira sui contenuti". In Borsa, ieri Enel ha perso il -2,57%.