Nozze con Ita, da Lufthansa concessioni all’Ue

MILANO Lufthansa avrebbe offerto delle "concessioni" all’Antitrust Ue, tra queste quelle sugli slot di Milano Linate, per avere il via libera...

Nozze con Ita, da Lufthansa concessioni all’Ue
Nozze con Ita, da Lufthansa concessioni all’Ue

Lufthansa avrebbe offerto delle "concessioni" all’Antitrust Ue, tra queste quelle sugli slot di Milano Linate, per avere il via libera all’acquisizione di una quota di minoranza di Ita Airways. È l’agenzia Bloomberg a lanciare le indiscrezioni, citando fonti vicine al dossier e spiegando che l’offerta della compagnia tedesca arriva a pochi giorni dalla scadenza della prima fase dell’indagine Ue nell’operazione, prevista per il 15 gennaio. L’Antitrust europeo dovrà decidere se dare luce verde alle nozze Ita Airways-Lufthansa oppure andare avanti con gli approfondimenti e passare così alla fase 2, che prevede altri 90 giorni lavorativi per l’indagine. Bruxelles ha ricevuto la notifica dell’accordo tra le due compagnie il 30 novembre scorso.

Ieri, intanto, un lunedì nero per Boeing a Wall Street. I titoli del colosso dell’aviazione americana precipitano e arrivano a perdere oltre l’8% sulla scia dell’incidente dell’Alaska Airlines che ha portato al fermo di molti 737 Max 9 negli Stati Uniti. Il tonfo arriva con le indagini delle autorità americane per cercare di capire come sia stata possibile l’esplosione in volo di un portellone di uscita di sicurezza posteriore disattivato. L’incidente non ha causato morti o feriti ma ha riacceso l’attenzione sulla sicurezza e su possibili difetti di produzione in casa Boeing e Spirit AeroSystems, che produce le fusoliere per il 737 e che perde a Wall Street oltre il 10%.

L’inchiesta è per ora concentrata sul velivolo dell’Alaska Airlines, al quale era già stato vietato di volare a lungo sull’acqua a causa di spie luminose che avevano segnalato possibili problemi di pressurizzazione in alcuni voli precedenti. Quando l’ad Dave Calhoun ha assunto le redini di Boeing, nel 2020, il 737 Max era a terra dopo due incidenti e la morte di 346 persone, la società era in crisi. Ora va meglio ma le difficoltà del passato continuano ad aleggiare.

Red. Eco.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro