Mediaset, raccolta 2023 a +2,1%. E l’utile supera i 200 milioni di euro

L’ad Pier Silvio Berlusconi: "Non scendo in politica". Il FT: Villa Certosa è in vendita

Mediaset, raccolta 2023 a +2,1%. E l’utile supera i 200 milioni di euro
Mediaset, raccolta 2023 a +2,1%. E l’utile supera i 200 milioni di euro

Un 2023 così non ci sarà più. L’anno del clamoroso sorpasso Mediaset sulla Rai in quanto ad ascolti non è destinato a ripetersi, lo ha detto lo stesso ad Pier Silvio Berlusconi ieri ai giornalisti: "Ci sono gli Europei di calcio con l’Italia e le Olimpiadi. Però non è detto". Mediaset, nata come azienda esclusivamente televisiva, ora punta molto anche sul digitale. Mentre la tv generalista nel suo complesso ha perso, dal 2019 al 2023, l’8,3%, Mediaset ha marcato solo un meno 1,5%, che però è stato compensato dal +1,4% dell’ascolto su cellulari, pc, smart tv.

L’anno d’oro di Mediaset si chiude con un aumento dei ricavi pubblicitari del 2,1% rispetto al 2022, e con un utile di 200 milioni. "Noi puntiamo con coraggio e ambizione a un progetto di broadcaster: partiamo dalla tv e puntiamo a progetto paneuropeo", ha spiegato l’ad. Ogni settimana il sistema crossmediale composto da tv, digitale e radio raggiunge il 95% della popolazione adulta. Nel 2023 gli italiani hanno visto 8,7 miliardi di video sui canali digitali dell’azienda. La tendenza è quindi di vendere campagne pubblicitarie su tutti i mezzi a disposizione, integrandoli. La trasmissione via cavo permette diffusioni di spot ‘sartoriali’, come le ha definite Berlusconi.

L’incontro è servito anche a fare chiarezza sull’eventuale futuro politico di Pier Silvio: "Mi tirano sempre in ballo, anche personalmente, ma non ho questa intenzione. Penso e spero che Forza Italia faccia un buon lavoro. Tajani ha una leadership costruita sulla serietà attraverso il lavoro. Sostituire mio padre è impossibile. Posso dire che, per portare avanti il programma, la squadra andrebbe arricchita con presenze giovanili". Il governo? "Ho una visione positiva del suo operato, gli indicatori macroeconomici sono favorevoli".

Non si è parlato del futuro di Villa Certosa ma ieri il Financial Time ha scritto che la residenza estiva in Sardegna è in vendita per 500 mln di euro. Secondo il quotidiano finanziario i cinque figli dell‘ex premier hanno accettato di vendere, affidando l‘operazione alla società immobiliare milanese Dils, che non ha commentato. Tra i possibili acquirenti, miliardari emiratini, sauditi, indiani e statunitensi. Dils contatterà direttamente i potenziali acquirenti e non ci sarà alcuna pubblicità. Le visite dovrebbero iniziare a febbraio.

Piero Degli Antoni

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro