Sabato 20 Aprile 2024

All’avanguardia grazie al polo tecnologico: "Al lavoro per progettare nuovi dispositivi"

IL NUOVO POLO TECNOLOGICO di Fassi si sviluppa in un’area di 11.500 metri quadrati e racconta l’essenza e la concretezza...

All’avanguardia grazie al polo tecnologico: "Al lavoro per progettare nuovi dispositivi"

All’avanguardia grazie al polo tecnologico: "Al lavoro per progettare nuovi dispositivi"

IL NUOVO POLO TECNOLOGICO di Fassi si sviluppa in un’area di 11.500 metri quadrati e racconta l’essenza e la concretezza di quella che da sempre è la vocazione e il lavoro del Gruppo: investire costantemente in ricerca e sviluppo, individuare e sperimentare soluzioni inesplorate. Fassi è stata, infatti, una realtà pioniere fin dagli esordi. Da quando Franco Fassi si occupava nell’officina di famiglia di allestimenti e riparazioni di autocarri. Dopo aver studiato bene il settore e le tecnologie del tempo, Franco Fassi decise di intraprendere una strada nuova puntando sulle gru articolare. Già allora insomma Fassi puntava sul cambiamento e l’innovazione, due capisaldi che fanno parte del Dna dell’azienda.

Questo spirito ha portato la società nata in provincia di Bergamo ad essere, nel tempo, protagonisti in uno scenario multisettore e in un mercato che è molto cambiato. Il Nuovo Polo Tecnologico è una naturale evoluzione di questo pensiero che appartiene alla famiglia Fassi e al Gruppo sin dalla sua nascita. Per questo, è stato progettato come un luogo dedicato alla ricerca, allo sviluppo e alla progettazione di macchine e di sistemi ad alto contenuto tecnologico. "Lo abbiamo creato per individuare e sperimentare soluzioni inesplorate, uno spazio aperto a tutte le aziende del Gruppo, dove i nostri tecnici trasformano i progetti in prototipi testandone le potenzialità e le performance", spiega l’amministratore delegato, Giovanni Fassi. Fra i capisaldi dell’innovazione per questa impresa italiana ci sono la sicurezza, la performance, l’usabilità e la sostenibilità. La sicurezza è una costante dei prodotti e dell’operatività, dell’impresa.

L’obiettivo è quello di fornire all’utilizzatore la possibilità di sfruttare al massimo le potenzialità della macchina operando sempre in sicurezza. Tutti i sistemi e le tecnologie aggiunte in questi ultimi anni vanno in questa direzione. Collegata alla sicurezza c’è, poi, la performance, intesa come la capacità di gestire la potenza esattamente quando e come occorre, in ragione delle singole operazioni e situazioni d’impiego. "Motivo per cui – spiega Giovanni Fassi – lavoriamo per progettare dispositivi innovativi che rivoluzionano l’idea stessa di potenza, ora controllabile con maggiore precisione e meglio disponibile nel coadiuvare le varie operazioni di sollevamento, movimentazione e rotazione dei carichi. Altro obiettivo importante è l’usabilità delle nostre gru, intesa come efficacia ed efficienza che diventano soddisfazione e ottimizzazione dei tempi per l’utilizzatore finale. E in questo la ricerca continua e le evoluzioni della tecnologia ci hanno dato una grande mano". Una gru Fassi è in grado di recepire e interpretare la realtà che la circonda e le molteplici situazioni di lavoro, anche le più impegnative, attivando dispositivi che rendono il lavoro dell’uomo più sereno, rapido ed efficace. Sostenibilità e innovazione vanno di pari passo in casa Fassi, la responsabilità richiede concretezza, praticità, operatività nell’attuare accorgimenti continui, migliorando, grazie a tecnologie esclusive, l’ottimizzazione delle materie prime e dei processi, al fine di ridurre l’impatto derivato dalla produzione e dal successivo impiego del prodotto.

Letizia Magnani

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro