Lunedì 17 Giugno 2024
LUCA RAVAGLIA
Economia

E' la giornata del cibo surgelato. Una piccola guida per le famiglie

E’ passato quasi un secolo dal 6 marzo del 1930 quando in alcuni negozi di Springfield, in Massachusetts, tra lo stupore generale furono offerti per la prima volta al pubblico cibi surgelati

Surgelati in un supermercato (foto Castellani)

Surgelati in un supermercato (foto Castellani)

Il mondo cambia, a braccetto con le abitudini dei suoi abitanti. A raccontarlo non sono i luoghi comuni, ma i dati di fatto, a partire da quelli che si possono misurare statistiche alla mano. Nel 2021 per esempio gli alimenti surgelati hanno segnato un nuovo record di consumi in Italia: 941.000 tonnellate, che si traducono in una media di 16 chili di consumo pro-capite. I dati, forniti nella seconda metà dello scorso anno, verranno aggiornati nei prossimi mesi, ma fin da ora promettono di nuovi ritocchi al rialzo.

I gusti degli italiani

Nel freezer di casa nostra ci sono in primis i vegetali, seguiti da pesce e patate. Sono in crescita pizze e snack, ma anche i piatti già preparati.

La giornata del cibo surgelato

E’ passato quasi un secolo dal 6 marzo del 1930 quando in alcuni negozi di Springfield, in Massachusetts, tra lo stupore generale furono offerti per la prima volta al pubblico cibi surgelati. Proprio per celebrare il debutto di uno dei prodotti simbolo della modernità, nel 1984 l’allora presidente degli Stati Uniti Ronald Regan istituì il ‘Frozen Food Day’, un anniversario che cade appunto il 6 marzo di ogni anno e in occasione del quale le aziende che operano nel settore spesso organizzano eventi o particolari attività promozionali volte a rilanciare l’immagine di un tipo di prodotto che sfrutta un metodo di conservazione funzionale, che non prevede l’uso di conservanti e allo stesso tempo garantisce il mantenimento delle proprietà nutritive dei prodotti freschi.

Una guida per tutte le famiglie

In quest’ottica per esempio Orogel ha offerto gratuitamente ai consumatori la speciale guida ‘Surgelati senza segreti’, un piccolo vademecum realizzato in collaborazione con la biologa nutrizionista Martina Donegani.

Virtù nascoste

L’intento è quello di diffondere gli aspetti meno noti di un tipo di prodotto che in ogni caso già ora il 98% degli italiani dichiara di consumare abitualmente. “I valori nutrizionali degli alimenti - è il punto di partenza di Donegani - non vengono alterati: grazie al processo di surgelazione, il cibo mantiene e garantisce infatti l’integrità di tutti i nutrienti”. Anche in questo comparto le nuove tecnologie stanno giocando un ruolo cruciale. Un riferimento spesso citato è per esempio quello del congelamento veloce e individuale, una particolare tecnica che permette di surgelare una a una le singole parti del prodotto. In questo modo tutte restano separate anche una volta poste nella stessa confezione, dalla quale si può così scongelare rapidamente solo la quantità desiderata

Consigli per l’acquisto

La guida indica in particolare quattro accorgimenti ai quali prestare attenzione. Prima di tutto serve accertarsi che le confezioni non siano danneggiate né ricoperte di brina, indice di una probabile rottura della catena del freddo. I surgelati dovrebbero poi essere acquistati come ultimo prodotto prima di andare alle casse, per poi essere preferibilmente messi al riparo all’interno di una borsa termica. Nel caso questa non fosse disponibile, si può ovviare sistemando tutti i surgelati insieme in un unico sacchetto: in questo modo manterranno la loro temperatura più a lungo. Appena arrivati a casa, è infine importante ricordare di riporre immediatamente i surgelati nel freezer. Dal momento dell’acquisto non devono passare più di 30 minuti.

I vantaggi pratici

In un contesto economico e ambientale nel quale l’importanza di ridurre gli sprechi gioca un ruolo sempre più importante, i surgelati possono aiutare a ottimizzare il cibo, perché è semplice dividere le porzioni, consumando solo ciò che si vuole portare in tavola. I prodotti poi sono già lavati e puliti, pronti per essere consumati, fattore che comporta risparmio di acqua, di energia e, ovviamente, di tempo. La loro varietà consente anche di garantire un’ampia diversificazione dei menù.

Strategie ai fornelli

Cucinare i prodotti direttamente in pentola o in padella senza attendere che si scongelino permette di preservare maggiormente le caratteristiche organolettiche. E’ prevista anche la possibilità di utilizzare il microonde, che consente una cottura al vapore in pochi minuti. Una volta scongelati infine, gli alimenti surgelati vanno trattati e conservati come i prodotti freschi ed è raccomandato non ricongelarli per non comprometterne le qualità.