Fincantieri punta sul settore sottomarino

Fincantieri acquisisce il 100% di Remazel Engineering, società specializzata in operazioni tecnologiche offshore e subsea, con un enterprise value di 78 milioni. L'operazione rafforza la presenza del gruppo nel settore sottomarino, con ricavi superiori ai 100 milioni e oltre 160 dipendenti.

Fincantieri punta sul settore sottomarino

Fincantieri punta sul settore sottomarino

Fincantieri si rafforza nel settore sottomarino: il gruppo guidato dall’ad Pierroberto Folgiero ha finalizzato l’acquisizione del 100% di Remazel Engineering da Advenced technology, società controllata da Alpha private equity, con il closing definitivo dell’operazione previsto per il primo trimestre del 2024. L’accordo per l’acquisizione, interamente finanziata con mezzi propri del gruppo, prevede un corrispettivo basato su un enterprise value di Remazel di 78 milioni. L’acquisto "rappresenta il primo importante tassello della strategia di sviluppo nel settore delle operazioni tecnologiche offshore e ‘subsea’", ha spiegato Folgiero, secondo il quale Remazel "permette a Fincantieri di rafforzare il suo posizionamento in settori in rapida crescita, quali le ‘operations underwater’ e il ‘wind offshore’, coprendo le attività a maggior valore aggiunto della catena del valore. Quello della subacquea rappresenta il nuovo dominio geopolitico, di grande rilevanza strategica sia in ambito civile sia della difesa".

Remazel è una società con sede principale a Chiuduno (Bergamo) e sedi operative a Trieste, in Cina e Brasile. Ha registrato nel corso del 2022 ricavi superiori ai 100 milioni, con oltre 160 dipendenti principalmente in Italia. L’azienda è focalizzata nella progettazione e fornitura di sistemi per la movimentazione, il sollevamento e l’ancoraggio, soluzioni di lancio e recupero per mezzi underwater.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro