Lunedì 20 Maggio 2024

Eni, conti solidi. Il calo del gas taglia l’utile

Eni registra risultati eccellenti nonostante la flessione dei prezzi del gas. Focus su energia rinnovabile e mobilità sostenibile. Prospettive positive e buy-back azioni in aumento. Decisione favorevole del Consiglio di Stato su controversia pubblicitaria.

La forte flessione dei prezzi del gas naturale nel primo trimestre 2024 (-50% rispetto allo stesso periodo del 2023) taglia gli utili di Eni che tuttavia, spiega l’ad Claudio Descalzi, registra "risultati eccellenti" grazie al "forte contributo della E&P (Esplorazione e produzione) con l’incremento del 5% a 1,74 milioni di barili al giorno e la continua crescita di Plenitude e Enilive", le società legate alla transizione energetica dedicate alla produzione di energia rinnovabile e alla mobilità sostenibile. I risultati del Gruppo superano le previsioni degli analisti. Le prospettive sono positive, assicura il manager che parla di stime del "flusso di cassa operativo di oltre 14 miliardi di euro" e di incrementare il piano 2024 di buy-back (acquisto di azioni proprie) del 45% a 1,6 miliardi". Il piano è fra i punti che saranno sottoposti all’assemblea degli azionisti il 15 maggio. Eni apprende "con soddisfazione" la decisione del Consiglio di Stato che dopo 4 anni ha respinto la tesi dell’Agcm secondo la quale avrebbe messo in atto una pratica commerciale scorretta ai danni dei consumatori per la campagna pubblicitaria del carburante Eni Diesel+.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro