Giovedì 13 Giugno 2024

Cresce il mercato dell’auto. In Italia attesa per gli incentivi

Ad aprile in Europa +12%. In dirittura d’arrivo il decreto sugli Ecobonus

Andrea Cardinali, dg dell’Unrae

Andrea Cardinali, dg dell’Unrae

Il mercato dell’auto torna a crescere a doppia cifra in Europa nel mese di aprile, grazie anche al maggior numero di giorni di lavoro. Aumentano del 14,8% a 108.552 unità le immatricolazioni di auto elettriche, con una quota di mercato stabile intorno al 12%.

In Italia, invece, la quota di e-cars, che aveva toccato il 5,1% nell’agosto 2023, scende al 2,4% anche per l’attesa del dpcm sugli Ecobonus.

La pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto messo a punto dal ministro delle Imprese e Made in Italy Adolfo Urso sembra finalmente in dirittura d’arrivo: sono previsti incentivi fino a 13.750 euro per acquistare un’auto elettrica nuova se si rottama una macchina vecchia, da Euro 0 fino a Euro 2, e si ha un reddito familiare inferiore a 30 mila euro.

Approfondisci:

Bonus auto 2024 in arrivo: chi può richiederlo e come fare

Bonus auto 2024 in arrivo: chi può richiederlo e come fare

L’Unrae ribadisce l’urgenza degli incentivi. "Inspiegabilmente a distanza di quasi quattro mesi dalla presentazione e sei mesi dal primo annuncio, e dopo ben tre passaggi alla Corte dei Conti, il dpcm ancora non vede la luce", afferma il direttore generale dell’Unrae Andrea Cardinali.

L’Anfia auspica che "il mercato risponda prontamente" agli incentivi appena arriveranno, "soprattutto per quanto riguarda la diffusione dei veicoli a zero emissioni. I prossimi cinque anni, durata del mandato del futuro Parlamento europeo – osserva il presidente Roberto Vavassori – saranno cruciali per l’industria automotive in termini di posizionamento competitivo rispetto alle sfide della transizione green e digitale già in atto". Nel mese di aprile nel mercato dell’Europa Occidentale, che comprende Ue, Paesi Efta e Regno Unito, sono state immatricolate 1.080.913 auto con una crescita del 12% rispetto allo stesso mese del 2023.

Il consuntivo complessivo dei primi quattro mesi dell’anno è meno positivo: le vetture immatricolate sono 4.476.369, il 6,5% in più dello stesso periodo dell’anno scorso. Tutti e cinque mercati più grandi, incluso il Regno Unito, registrano una performance positiva: crescono a doppia cifra la Spagna (+23,1%), la Germania (+19,8%) e la Francia (+10,9%), seguite dall’Italia (+7,7%) e dal Regno Unito, con un rialzo più contenuto (+1%). In calo le immatricolazioni del gruppo Stellantis che nel mese ha venduto 66.534 auto, l’1,5% in meno di aprile 2023. Il gruppo resta comunque secondo per quota di mercato in Europa, alle spalle del gruppo Volkswagen e prima di Renault.

A. L.