Martedì 23 Luglio 2024

Quanto costano i centri estivi? Al Nord il doppio del Sud

Adoc ed Eures hanno calcolato il prezzo medio applicato in Italia per i centri estivi, unica soluzione per molti genitori dopo la fine della scuola: anche qui a causa dell’inflazione i costi sono più alti del 10% rispetto al 2023

Roma, 26 giugno 2024 – La fine della scuola per bambini e ragazzi, unita al fatto che le ferie estive per i genitori sono ancora molto lontane, impongono agli stessi la necessità di trovare qualcuno che possa badare ai loro figli. Una soluzione possibile, soprattutto per chi non ha parenti e amici cui poter affidare i propri bambini e ragazzi, è quella dei centri estivi che alla necessità dei genitori affiancano anche una serie di attività ricreative per i più giovani. Ricorrere a questa soluzione ha naturalmente un costo che, specie per chi ha più figli, può risultare essere non trascurabile.

Sport e laboratori, al via i centri estivi
Sport e laboratori, al via i centri estivi

Quanto costano i centri estivi

Il costo dei centri estivi per ragazzi e bambini ha visto un innalzamento nel corso degli ultimi anni, specie a causa della forte inflazione. Nel 2024, così come evidenziato dallo studio di Adoc ed Eures che analizza i prezzi dei centri estivi a Milano, Bologna, Roma, Napoli e Bari, il costo dei centri estivi è salito del 10 per cento rispetto allo scorso anno. Il prezzo medio settimanale di un centro estivo nelle cinque città oggetto dell’analisi si attesta a 85 euro per chi sceglie l’opzione orario ridotto e a 154,30 euro per chi sceglie l’orario pieno. A fronte di questi valori medi, una famiglia con un figlio al centro estivo per otto settimane spende 1.234 euro (tempo pieno), con la cifra che in caso di due figli arriva a 2.382 euro. Non si tratta, in quest’ultimo caso, del doppio esatto della quota in quanto, in caso di due fratelli, viene spesso applicato uno sconto che si aggira intorno al valore medio del 10 per cento.

Approfondisci:

Scuole aperte d'estate, cosa prevede il piano del governo

Scuole aperte d'estate, cosa prevede il piano del governo

Dove costano di più i centri estivi

Così come avviene spesso quando si effettuano degli studi relativi ai prezzi applicati in Italia per un dato prodotto o servizio, anche nel caso dei centri estivi si registra una netta differenza di prezzo tra Nord e Sud del Paese. Entrando più nel dettaglio, nelle città prese a esame del Settentrione il costo medio per una settimana al centro estivo è di 175 euro (tempo pieno), mentre al Centro è pari a 148 euro e al Sud a 118 euro. Nel caso di tempo di ridotto, al Nord il costo medio è di 102 euro a settimana, con la cifre che scendendo a 98 euro al Centro e a 58 euro nelle città del Meridione.

Interessante notare anche come cambiano le somme in base alla città: Milano è la più cara in tema di centri estivi, con il costo medio di una settimana a tempo pieno che è pari a 218 euro per l’orario intero e a 176 euro per quello ridotto. È circa il doppio del prezzo richiesto a Bari (110 euro a settimana l’intero e 49 il ridotto) e Napoli (123 euro a settimana l’intero e 60 il ridotto).

Approfondisci:

Ci risiamo, arrivano le vacanze e aumentano voli e traghetti: ecco tutti i prezzi

Ci risiamo, arrivano le vacanze e aumentano voli e traghetti: ecco tutti i prezzi

Costo centri estivi, la crescita negli anni

Molti sono gli studi effettuati dai centri di ricerca in merito ai costi dei centri estivi in Italia nel 2024. L’ONF, Osservatorio Nazionale Federconsumatori, ad esempio, ha paragonato i prezzi attuali con quelli del 2019 riscontrando una crescita pari al 13 per cento per l’intera giornata e al 20 per cento per la ridotta. I prezzi medi in valore assoluto nel 2024 sono pari a 190 euro per l’intero e a 115 euro per la mezza giornata.

Tali cifre posso variare, abbassandosi, se i genitori decidono per l’opzione pranzo al sacco con la quale i bambini mangiano ciò che gli viene preparato a casa. In tale scenario il costo della giornata si riduce a 88 euro per l’intera giornata (+19 per cento rispetto al 2019).

Vi è poi un’altra ipotesi per i genitori, ovvero quella di affidare i propri figli a strutture pubbliche anziché private. I prezzi in questo caso scendono di molto, anche se sono comunque decisamente più alti rispetto al 2019. Per la mezza giornata sono chiesti in media 75 euro, ovvero il 50 per cento in più rispetto al 2019, mentre per il tempo pieno ne occorrono 95 alla settimana (+17 per cento).