Mercoledì 19 Giugno 2024
GIOVANNI ELIA CORZANI
Economia

E’ arrivato Bluesky, l’anti-Twitter: ecco come funziona

Il fondatore di Twitter, Jack Dorsey, lo aveva annunciato già nel 2019, poi l’accelerata dopo la scalata di Elon Musk. Il nuovo social oggi è disponibile su invito. Il modello è non avere proprietari

Jack Dorsey

Jack Dorsey

Roma, 10 maggio 2023 – Potrebbe arrivare presto una alternativa a Twitter per tutti gli utenti insoddisfatti. Si tratta di Bluesky, una nuova piattaforma di social network in fase embrionale. Il progetto era stato annunciato già nel 2019 dal co-fondatore ed ex ceo di Twitter, Jack Dorsey, e fino ad ora è stato considerato in fase di sviluppo.

I primi contro-cinguettii

Da qualche mese il progetto è diventato realtà, con il lancio della sua app su iOS a febbraio e su Android qualche settimana fa. Al momento è un club per pochi: si entra solo a invito. Ma la strategia dell’avvio graduale è quella che, fino ad ora, hanno seguito pressoché tutti i social, e dunque il suo momento sembra essere arrivato. Secondo molti potrebbe diventare un sostituto di Twitter, la creatura in difficoltà in mano Elon Musk. Il fondatore di SpaceX e Tesla è diventato ceo del social dell’uccellino ad ottobre, e nei mesi successivi ha fatto cambiamenti e tagli che non sono stati apprezzati dagli utenti. Anche per questa ragione, in molti stanno cercando nuove piattaforme dove condividere i propri pensieri e riflessioni online. Bluesky sembra avvicinarsi a Twitter: offre molte delle stesse funzionalità principali, consentendo agli utenti di pubblicare brevi aggiornamenti di testo e foto, rispondersi a vicenda e ricondividere i post.

Un progetto partito nel 2019

Il fondatore di Twitter Jack Dorsey ha annunciato i piani per Bluesky in un tweet del 2019, mentre era ancora l'amministratore delegato del social network. All'epoca, Dorsey ha detto che l'obiettivo era che Twitter diventasse un cliente di Bluesky, e si è impegnato a finanziare il nuovo progetto attraverso il suo sviluppo e oltre. Sebbene Bluesky abbia ricevuto sostegno finanziario da Twitter, opera separatamente e ha creato la propria LLC, circa equivalente alla società a responsabilità limitata, nel 2022.

Quali sono le differenze

L'idea di base di Bluesky è quella di creare un social network decentralizzato. Ciò significa che non sarebbe controllato da una singola azienda, ma sarebbe gestito dagli utenti, i quali grazie alla tecnologia sarebbero in grado di creare le proprie applicazioni e comunità. In un post sul blog, l'amministratrice delegata Jay Graber spiega che Bluesky mira a riportare "l'apertura e la creatività dei primi siti web". L'obiettivo è creare un sistema in cui nessuna singola persona o algoritmo regna su ciò che i fruitori sperimentano.

Gli utenti dell'app inizialmente erano limitati agli addetti ai lavori del mondo tecnologico e agli sviluppatori dietro di essa. Alla fine di aprile, si legge sul sito, Bluesky ha raggiunto oltre 50.000 utenti.

Le prime star su Bluesky

Hanno aderito anche alcuni importanti utenti di Twitter, come la deputata democratica degli Stati Uniti Alexandria Ocasio-Cortez, o la modella e autrice di libri di cucina Chrissy Teigen. Tanti altri chiedono di essere invitati. Al momento, infatti, Bluesky è ancora in una fase beta solo su invito. Per accedervi bisogna conoscere qualcuno con un codice di invito o iscriversi alla (lunga) lista d’attesa del suo sito web. “I social network possono essere abusati da spammer e cattivi attori che potrebbero voler manipolare la conversazione pubblica”, viene spiegato sul sito. “È molto più facile limitare le iscrizioni e lasciarle diffondere attraverso un grafico sociale esistente che cercare di ripulire retroattivamente l'abuso di rete dilagante”. A lungo termine, l’idea è proprio quella di considerare questo sistema di codice di invito come un pezzo degli strumenti open source che stanno costruendo per aiutare gli amministratori dei server (le persone che gestiscono servizi) ad aiutare a curare e moderare le loro comunità. A differenza di Twitter, Bluesky non possiede ancora una funzione di blocco.

Chi ha già provato Bluesky ne sta parlando molto, alimentando la curiosità degli utenti meno fortunati che, ancora per un po’, dovranno aspettare in lista di attesa.