Voto in Polonia, esulta Tusk: "Stagione populista finita"

Exit poll: sovranisti primi, ma il fronte pro Ue verso la maggioranza

Voto in Polonia, esulta Tusk: "Stagione populista finita"
Voto in Polonia, esulta Tusk: "Stagione populista finita"

VARSAVIA (Polonia)

Il partito conservatore polacco Diritto e Giustizia (PiS) ha vinto le elezioni in Polonia, ma è lontano dal sostegno di cui godeva nel 2019, quando quasi il 44% degli elettori votò per il partito di Jaroslaw Kaczynski. E questo potrebbe rappresentare la sua sconfitta. Alla fine di una campagna elettorale aggressiva e costruita sulla paura (di Donald Tusk, della Germania, dell’Unione Europea, degli immigrati e del mondo fuori dalla Polonia in generale) in base agli exit poll resta il nucleo dell’elettorato del PiS, ma non sarebbe abbastanza per poter formare il governo. Anche se va notato che le percentuali potrebbero differire dai risultati definitivi.

In base agli aggiornamenti delle 21 di ieri i risultati degli exit poll IPSOS per TVN, Polsat e TVP vedono il PiS al 36,8%, la Coalizione Civica (in polacco: Platforma Obywatelska, PO) 31,6%, Terza Via al 13,0%, Sinistra al 8,6%, Confederazione al 6,2%. Una situazione che spalancherebbe le porte dell’esecutivo a Tusk. "Non sono mai stato così felice in vita mia, creeremo un governo nuovo, buono e democratico con i nostri partner. La Polonia ha vinto", così il leader della coalizione Platforma Obywatelska (PO), Donald Tusk. "Nessuno ci credeva un anno fa. Tre mesi fa non ne eravamo sicuri. Proprio ieri la gente veniva da me e mi chiedeva se potevamo farlo, perché non potevamo farlo da tanti anni", ha aggiunto. "Saluto tutti coloro che sono ancora in coda ai seggi elettorali, che questo risultato potrebbe essere ancora migliore. Oggi possiamo dire che questo brutto periodo è finito. Questa è la fine del dominio del PiS", ha continuato.

"La maggioranza dei polacchi ha votato per il cambiamento. Vogliono una Polonia forte, stabile e orientata al futuro nel cuore dell’Ue. I polacchi hanno scelto lo stato di diritto, tribunali e media liberi, un esercito apolitico e la democrazia. Hanno scelto l’Europa", scrive su X il gruppo del Partito popolare europeo (Ppe) commentando gli exit poll delle elezioni legislative polacche. Jarosław Kaczynski, presidente del PiS, parla di un grande successo del suo partito alle elezioni, dove avrebbe ottenuto il 36,8%, ma ammette che "non sappiamo" cosa succederà per la formazione del governo. "Abbiamo davanti a noi giorni di lotta e di tensioni", ha detto parlando ai sostenitori del suo partito Legge e giustizia. Ma, ha aggiunto, "sia che siamo al potere sia che siamo all’opposizione, continueremo a realizzare il nostro progetto e la Polonia non sarà tradita".