Sabato 13 Aprile 2024

Trova una testa di capretto davanti casa. Minacciata la giudice già sotto scorta

Testa di capretto insanguinata e coltello davanti alla casa di una giudice sotto scorta a Lecce. Le intimidazioni sono legate alle indagini antimafia che hanno portato all'arresto di 22 persone del clan Lamendola-Cantanna.

Trova una testa di capretto davanti casa. Minacciata la giudice già sotto scorta

Trova una testa di capretto davanti casa. Minacciata la giudice già sotto scorta

Testa di capretto davanti la porta di casa di una giudice sotto scorta. È successo a Lecce e a subire le intimidazioni è il gip Maria Francesca Mariano (nella foto), già nel mirino da diversi mesi dei malviventi dopo aver ricevuto lettere intimidatorie. Il capo dell’animale era insanguinato e infilzato con un coltello da macellaio, con un biglietto in cui era scritto "Così". Una volta scoperta la brutta sorpresa la magistrata ha avvisato le forze dell’ordine. Le intimidazioni sarebbero legate alle indagini che hanno portato all’operazione antimafia con cui lo scorso 17 luglio furono arrestate 22 persone del clan Lamendola-Cantanna ritenuto organico alla Sacra corona. Insieme alla giudice Mariano era finita sotto scorta anche la titolare dell’inchiesta, la pm Carmen Ruggiero.