CARPI (Modena) È stata una giornata di grande apprensione quella di ieri in buona parte del nord Italia. Trombe d’aria ’modello Stati Uniti’ hanno colpito diverse zone della Lombardia e, in Emilia, la provincia di Modena. Qui in particolare un vero e proprio tornado ha completamente distrutto la sede di un aeroclub, quello di Fossoli (frazione di Carpi), con annesso piccolo aeroporto. Lamiere dappertutto, alianti schiacciati dalla forza del...

CARPI (Modena)

È stata una giornata di grande apprensione quella di ieri in buona parte del nord Italia. Trombe d’aria ’modello Stati Uniti’ hanno colpito diverse zone della Lombardia e, in Emilia, la provincia di Modena. Qui in particolare un vero e proprio tornado ha completamente distrutto la sede di un aeroclub, quello di Fossoli (frazione di Carpi), con annesso piccolo aeroporto. Lamiere dappertutto, alianti schiacciati dalla forza del vento e danni incalcolabili.

I piloti sono riusciti a scampare alla furia della tromba d’aria riparandosi dentro la struttura. "Purtroppo la tromba d’aria si è formata all’improvviso e ha fatto volare via un hangar con sette velivoli dentro – ha raccontato il presidente dell’aeroclub Franco Cavazza – Per fortuna non si è fatto male nessuno, troveremo il modo di sistemare tutto. Eravamo qui fuori e abbiamo visto questo piccolo tornado. In meno di un minuto è diventato molto grosso, siamo scappati negli uffici. Ci siamo riparati chi nel bagno, chi dietro un divano e ci siamo salvati. Un aereo era decollato cinque minuti prima, ma per fortuna non ha avuto problemi. È stato di una violenza davvero paurosa, in meno di trenta secondi è volato via tutto".

Un testimone dell’inconsueto fenomeno atmosferico ha parlato di vento "oltre i trecento chilometri orari". I vigili del fuoco sono stati a lungo impegnati, ma fortunatamente non ci sono stati feriti. Diversi i tetti delle case divelti, paura anche per un traliccio che è caduto dopo essere stato tranciato da un pezzo di lamiera – schizzato via a causa del vento – che ha originato un vasto incendio nelle campagne circostanti.

Nel Lodigiano, invece, 15 abitazioni di Corte Palasio sono rimaste scoperchiate per la forza del vento. Stesso scenario nella Bassa bresciana, dove si registrano danni di grossa entità, soprattutto nel paese di Pontevico. Colpite in particolare le abitazioni e le cascine della zona.

Spostandosi a Varese, anche qui sono stati innumerevoli gli interventi dei vigili del fuoco. Nei comuni di Jerago con Orago e Solbiate Arno tanti i sottopassi allagati, con automobilisti rimasti intrappolati nelle proprie vetture. Evacuato un hotel Infine Pavia, dove nella zona di Marzano sono caduti alberi e tetti.

Maria Silvia Cabri