Trapper e baby gang, maxi blitz in 14 province: ecco dove. Quaranta arresti, sequestri di armi e droga

Da Milano a Catania, 500 agenti e cani antidroga coinvolti nei controlli nel mondo delle bande giovanili. Fermati a Milano sette rapinatori minorenni, scontri armati tra gang a Napoli

Roma, 15 dicembre 2023 – Maxi blitz nel mondo dei trapper, controlli e sequestri in 14 province italiane, da Milano a Catania. Arrestati 41 ragazzi, di cui sette minori, e denunciate a piede libero 74 persone, 24 delle quali minorenni. È la più vasta operazione degli ultimi tempi quella che da questa mattina è in corso a livello nazionale, dove 500 poliziotti stanno passando al setaccio gli ambienti delle gang giovanili.

Nel mirino anche lo ‘street bullying’, gli atteggiamenti violenti che scatenano il panico sulle strade urbane. Controlli e perquisizioni nei quartieri delle gang: sequestrati computer e supporti informatici, pistole, coltelli e tirapugni. Ma anche centinaia di dosi droga – vendute anche fuori dalle scuole – e 10mila in contanti ‘guadagnati’ con lo spaccio. Sequestrate anche una pistola ‘manomessa’ usata per un tentato omicidio in provincia di Salerno.

Controlli su baby gang e trapper
Controlli su baby gang e trapper

Il blitz: ecco dove

Le squadre mobili, coordinate dal servizio centrale operativo Sisco, stanno passando al setaccio 14 province: Arezzo, Bari, Catania, Genova, Milano, Modena, Napoli, Palermo, Padova, Pescara, Reggio-Emilia, Rovigo, Salerno e Verona. Gli agenti si stanno concentrando nei luoghi dove sono stati registrati episodi di bullismo e reati commessi da gruppi criminali giovanili, spesso riconducibili al mondo dei trapper.

Prima di entrare in azione, ci sono state lunghe indagini per preparare il terreno al blitz di questa mattina.

Milano, trapper e maranza: 16 arresti

A Milano, l'operazione si è concentrata su ragazzi inseriti nel contesto delle devianze giovanili e, più in generale, della repressione della microcriminalità diffusa. Le attività sono state indirizzate anche attraverso la consultazione dei social che ha consentito di orientare le operazioni svolte nei confronti dei gruppi.

Sono state eseguite perquisizioni nei confronti di soggetti appartenenti a bande che si sono contraddistinti in strada e suoi social per rapine, spaccio e comportamenti antisociali, come la pubblicazione di foto con armi e droga o contro le forze dell'ordine.

Ulteriori perquisizioni sono state eseguite anche nei confronti di minori appartenenti ad una gang di strada dedita a rapine, vicini all'ambiente trapper milanese. Servizi nelle aree maggiormente interessate da fenomeni riconducibili a criminalità giovanile e street bullying: piazza Gae Aulenti, Corso Como, Porta Garibaldi, la stazione centrale, i Bastioni di Porta Venezia, Corso Buenos Aires e la zona dei Navigli.

Arrestati sette ragazzi legati ai gruppi chiamati ‘maranza’, le cui condotte aggressive destano crescente allarme sociale. In particolare, sono statifiniti in arresto sette rapinatori minorenni di origine nordafricana, anche di seconda generazione, e un giovane dedito alla musica ‘trap’, sempre per rapina. Complessivamente sono state tratte in arresto 16 persone e denunciati a piede libero 6 giovani per possesso di armi da taglio, tirapugni, scacciacani prive di tappo rosso e sostanze stupefacenti.

Napoli, scontri e droga a Margellina

A Napoli servizi nel quartiere Mergellina, teatro di scontri violenti tra gruppi di giovani. Durante la giornata di ieri sono stati svolti controlli nei pressi di istituti scolastici, mentre in serata le attività si sono concentrate nella zona della movida. Complessivamente sono stati sequestrati a carico di ignoti nelle aree della mala movida 1,3 kg di cocaina e 5,3 kg di eroina. Sono state inoltre deferite in stato di libertà 3 persone per la detenzione di sostanze stupefacenti.

Al setaccio le discoteche di Palermo

Passate al setaccio le discoteche di Palermo. Nel quartiere Ballarò servizi antispaccio. Inoltre, sono state eseguite perquisizioni nei confronti di giovani con precedenti per stupefacenti e armi residenti nel quartiere Borgo Vecchio e nel centro storico. Complessivamente, sono state tratte in arresto 3 persone e denunciate altre 3 in stato di libertà per possesso di armi da taglio e sostanze stupefacenti. Sono stati sequestrati circa 3 kg di hashish.

Veneto: droga nelle scuole e bande armate

A Padova, sono state eseguite perquisizioni di iniziativa e delegate nei confronti di neo maggiorenni e minori già individuati come responsabili di lesioni e rapine consumate nei mesi scorsi a danno di coetanei in contesti di street bullying. Nel corso di mirate attività antidroga, sono stati arrestati in flagranza di reato 3 ragazzi – un rumeno e un italiano di 22 anni, un tunisino di 26 anni – per detenzione e spaccio di cocaina e hashish. Un altro 22enne rumeno è stato denunciato in stato di libertà per la detenzione di modiche quantità di cocaina. Sono stati segnalati all'autorità amministrativa 3 stranieri.

A Rovigo, il dispositivo anticrimine ha interessato le scuole superiori dove si sono verificati episodi delittuosi anche a danno di docenti e nelle zone abituali ritrovi di giovani, in particolare nei pressi della Fiera, teatro nei mesi scorsi di uno scontro tra bande armate di coltelli, machete ad altro. Sono state impiegate unità cinofile per i controlli nelle zone di aggregazione giovanile nel centro città, alla stazione – dove nei mesi scorsi sono state violentate diverse ragazze – e al centro commerciale: tutte piazze di spaccio cittadine. A Verona, il piano di controllo ha riguardato le zone del centro storico.

Arresti e denunce

A supporto degli uffici investigativi, hanno operato 135 equipaggi dei reparti per la prevenzione del crimine e alcune unità cinofile per lo svolgimento delle attività antidroga. Una quarantina di persone, di cui circa almeno dieci minorenni, sono state tratte in arresto e ne sono state denunciate circa 74, di cui 23 minori.

Controlli nei locali notturni e nei luoghi frequentato dai giovani ad Arezzo. Espulso trasnieri irregolari, appartenenti a locali bande giovanili. È stato sequestrato oltre 1 chilo di cocaina.

A Bari, sono stati realizzati controlli nell'area del Borgo Antico e nelle zone ove si sono verificate aggressioni da parte di minorenni. Sono state effettuate perquisizioni mirate a carico di ragazzi con precedenti penali. A Catania, sono stati controllati luoghi di abituale ritrovo di giovani, situati nel centro cittadino e zone più periferiche – da Librino a San Cristoforo – dove più spesso si registrano episodi di spaccio di stupefacenti, risse, furti o rarapine, tutti riconducibili a gruppi di giovani.

A Genova, la polizia si è concentrata sulle zone della città più degradate e nelle piazze dello spaccio, dove sono più alti i reati commessi dalle bande. Due arresti per spaccio a Reggio Emilia, ispezionati i parchi e la stazione a Modena.

Armi e droga

Sono state sequestrate pistole, armi da taglio e tirapugni, nonché centinaia di dosi di droga, alcune delle quali nelle vicinanze di un istituto scolastico, e diverse somme di denaro per un totale di circa 10mila euro, in buona parte provenienti dallo spaccio. Gli interventi hanno riguardato soprattutto aree di aggregazione giovanile e in contesti contigui al mondo dei trapper.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui