Martedì 18 Giugno 2024

"Sono gay, avevo una doppia vita" Così l’All Black infrange il tabù del rugby

Migration

Cade un altro tabù nello sport. "Spero che questo mio passo possa dare una mano a superare i pregiudizi sull’omosessualità e che aiuterà altri", così Campbell Johnstone, ex nazionale neozelandese, introduce il suo coming out. Il pilone neozelandese, 43 anni, è stato l’All Black numero 1.056 (tre test nel 2005), e oggi è il primo a dichiararsi gay. "Da giovane non mi sono mai sentito a mio agio e il mio sogno è sempre stato quello di diventare un All Black – racconta –. Per anni ho condotto una doppia vita e il fatto che soltanto alcune persone a me vicino lo sapessero era già abbastanza. La mia visione di un All Black era quella di un uomo virile, forte, possibilmente con moglie e figli". La notizia è stata accolta con gioia da tanti ex compagni, come il mediano di mischia neozelandese Brad Weber: "Leggenda! Tanto rispetto per te, Campbell".