Lunedì 27 Maggio 2024

Scontri tra tifosi della Sampdoria e del Genoa, accoltellato un supporter rossoblu. Devastata la sede degli ultras blucerchiati

Da ieri sera cresce la tensione tra i supporter delle due squadre cittadine, tra aggressioni e ritorsioni. Feriti anche agenti e danneggiati mezzi della polizia intervenuta più volte a separare le due fazioni. In serata sono saliti a sei i tifosi doriani arrestati

Scontri tra polizia e tifosi della Samp vicino a piazza Alimonda

Scontri tra polizia e tifosi della Samp vicino a piazza Alimonda

Roma, 6 maggio 2024 - Cresce la tensione a Genova tra tifosi della Sampdoria e del Genoa. Dopo gli scontri iniziati ieri sera sono continuati oggi pomeriggio quando un tifoso genoano è stato accoltellato a un braccio e un altro è stato picchiato in un bar di Nervi durante un irruzione di quattro ultrà blucerchiati. Nella rissa scaturita nel locale in via Oberdan i tifosi hanno devastato la struttura e sono stati fermati solo dall'intervento della volanti della polizia. Gli agenti li portati in questura, mentre la vittima con la ferita da taglio è stata portata in codice giallo al San Martino.  

La faida tra tifoserie sarebbe nata ieri sera, dopo la partita di Serie B di Marassi tra la Samp e la Reggiana, quando si era sparsa la voce tra i supporter doriani che uno di loro era stato aggredito dai rivali cittadini. Tanto è bastato per scatenare la ritorsione blucerchiata: una ottantina di ultras ha raggiunto piazza Alimonda e ha aggredito alcuni tifosi rossoblù che lì seguivano la sfida del Genoa in trasferta contro il Milan. Ne è scaturita una rissa senza esclusione di colpi durata diversi minuti e sedata momentaneamente solo dagli agenti, che sono riusciti per qualche minuto a dividere i due gruppi. Ma non è bastato perché i supporter sampdoriani si sono riorganizzati e hanno attaccato anche la polizia, danneggiando diversi mezzi e ferendo alcuni agenti. Le immagini degli scontri sono già al vaglio della Digos.

Ma la notte delle vendette non era finita e più tardi sono stati gli ultras rossoblù a cercare rivalsa dell'aggressione in piazza Alimonda: un gruppo probabilmente rientrante dalla trasferta di Milano, saputo degli scontri, ha deciso di attaccare per rappresaglia la sede blucerchiata degli Ultras Tito Cucchiaroni in passo Ponte Carrega a Genova Staglieno. I locali, a quell'ora vuoti, sono stati devastati e una bandiera della Samp è stata incendiata. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine e i Vigili del Fuoco per spegnere le fiamme.

Sei tifosi doriani arrestati

In serata la Procura ha fatto sapere che sono 6 gli ultras doriani arrestati tra il pomeriggio e sera di oggi. Quattro sono i presunti autori aggressori di un tifoso genoano e di un suo collega in un bar di Nervi verso le 14. Le vittime hanno riportato ferite da taglio con prognosi di 10 e 15 giorni. Inoltre uno dei quattro è stato anche protagonista e degli scontri di ieri pomeriggio nei pressi di via Tolemaid contro le forze dell'ordine. Sempre per l’aggressione in piazza Alimonda la Digos ha arrestato altri due ultras blucerchiati. Tutti gli arrestati hanno età che variano dai 30 ai 41 anni, e tutti già con episodi in passato che hanno portato a Daspo per intemperanze. Agli arrestati vengono contestati i reati di resistenza e rissa aggravata in concorso con altri soggetti in corso di identificazione, lancio di materiali pericolosi, travisamento, danneggiamento lesioni. Tutti sono stati accompagnati in carcere a Marassi. Le forze dell'ordine hanno nache intensificato i servizi di sorveglianza sui tradizionali luoghi di ritrovo dei tifosi in modo da prevenire ulteriori scontri.