Lunedì 24 Giugno 2024

Caso Orlandi, la sorella di Emanuela: vi spiego cosa è successo con lo zio Mario Meneguzzi

Pietro Orlandi: vorrei incontrare papa Francesco, questo è un modo per scaricare la responsabilità sulla famiglia

La conferenza stampa di Pietro e Natalina Orlandi, fratelli di Emanuela

La conferenza stampa di Pietro e Natalina Orlandi, fratelli di Emanuela

Roma, 11 luglio 2023 – Caso Orlandi, parla Natalina, la sorella maggiore di Emanuela. E racconta, in una conferenza stampa in diretta Facebook con il fratello Pietro, cosa è successo con lo zio Mario Meneguzzi, dopo il servizio andato in onda ieri al tg La7.  

Approfondisci:

Cristina Golinucci, l’indagine a un bivio. L’avvocato Iannuccelli: “Cosa ci aspettiamo e cosa faremo”

Cristina Golinucci, l’indagine a un bivio. L’avvocato Iannuccelli: “Cosa ci aspettiamo e cosa faremo”

Natalina Orlandi: "Vi spiego che cosa è successo”

''Non esiste stupro, è un fatto che risale al 1978, mio zio mi fece solo semplici avances verbali, al momento fui scossa ma finì lì e lo raccontai al nostro sacerdote in confessione e al mio fidanzato Andrea, oggi mio marito''. ''Questo – insiste Natalina - fu il rapporto con mio zio. E infatti le nostre famiglie sono unite. Io questa cosa la tenni per me. Poi nell'83 mi hanno chiamato e subii un interrogatorio. Erano cose che sapevano tutti, magistrati inquirenti e investigatori. È finita lì e non portò a nulla'', ha aggiunto. Anche: “Escludiamo avances a Emanuela”.

Approfondisci:

Emanuela Orlandi, spunta il nome dello zio nelle indagini. “Molestava la sorella”

Emanuela Orlandi, spunta il nome dello zio nelle indagini. “Molestava la sorella”
Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, con l'avvocato Laura Sgrò
Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, con l'avvocato Laura Sgrò

“Macelleria sulla vita delle persone”

“Si è fatta macelleria sulla vita delle persone”, ha attaccato Laura Sgrò, avvocato della famiglia. Durissimo Pietro Orlandi: “Un modo per scaricare sulla famiglia. In Vaticano c’è qualcuno che non vuole parta la Commissione d’inchiesta. Faccio un appello a papa Francesco, desidero incontrarlo per parlargli delle carogne che lo circondano”.

“Mio zio era in vacanza con la famiglia”

Racconta ancora Pietro: “Mio zio quel giorno, il 22 giugno 1983, era lontano da Roma, con i figli nel paese dove vanno in vacanza’’. Gli chiedono: avete prove documentali di questo? Risponde: “Ero presente alla telefonata”. Un giornalista incalza: la notizia però è rimasta segreta per 40 anni... “Ma come si fa a collegarla alla scomparsa di Emanuela?”, ribatte l’avvvocato Sgrò.