Giovedì 30 Maggio 2024

Corruzione e accesso abusivo al sistema informatico: arrestati tre funzionari dell’Agenzia delle Entrate

L’operazione della Squadra Mobile di Roma: sistemavano pratiche fiscali dietro compensi in denaro o pagamento di pranzi al ristorante. Nei guai anche un ex dipendente dell’Agenzia e due professionisti

Agenzia delle Entrate (foto Ansa)

Agenzia delle Entrate (foto Ansa)

Roma, 16 aprile 2024 – Tre funzionari dell'Agenzia delle Entrate agli arresti domiciliari e obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per un dipendente dell'Agenzia in pensione e per due professionisti. I poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Roma hanno eseguito all'alba un'ordinanza applicativa di misure cautelari personali, emessa dal gip su richiesta della Procura, per i reati di corruzione e accesso abusivo a sistema informatico.

Per gli investigatori esisteva un rodato sistema corruttivo attraverso cui i tre dipendenti - impiegati presso gli Uffici dell'Agenzia delle Entrate di Roma 3 e Roma 4 - asservivano la propria pubblica funzione agli interessi di alcuni professionisti del settore contabile, dietro compensi in denaro o pagamento di pranzi al ristorante.

I tre funzionari si sarebbero avvalsi anche abusivamente dei sistemi informatici e telematici dell'Anagrafe Tributaria in dotazione all'Agenzia delle Entrate per consultare le informazioni necessarie a ottenere gli elementi utili alla conclusione delle pratiche relative ad accertamenti fiscali o a contratti di comodato o successioni per ottenere l'abbattimento totale o la sensibile riduzione delle somme di denaro richieste dal fisco. Le cifre richieste dai pubblici ufficiali variavano a seconda dell'importo dell'avviso o della cartella e in base alla complessità della pratica e spaziavano dai 100 euro alle migliaia di euro.