Domenica 26 Maggio 2024
ALESSANDRO FARRUGGIA
Cronaca

Migranti, le cooperative disertano i bandi. "Pochi 21 euro a ospite"

Stretta sui rimborsi per l'accoglienza, le società si sfilano: "Non siamo alberghi"

Le forze dell'ordine sgomberano la tendopoli del Centro Baobab (LaPresse)

Le forze dell'ordine sgomberano la tendopoli del Centro Baobab (LaPresse)

In molte, da Genova a Reggio Emilia, da Savona a Lecce, ma anche Ferrara, Treviso, Viterbo non si presentano alle gare, mandandole in alcuni casi deserte. Alcune prefetture hanno così deciso di allungarne i tempi o rinviarle: è il caso di Siena (rinvio al 19 aprile) e di Bologna (proroga al 20 giugno delle concessioni esistenti). Alcune cooperative, ad esempio in Toscana, chiedono rinvii di tutte le gare mentre altre cooperative – come accaduto per cinque cooperative a Milano e a tre a Udine – tentano la via giudiziaria e fanno invece ricorso al Tar del Lazio. A Parma invece otto sindaci, tra i quali Federico Pizzarotti, hanno scritto al prefetto per invitarlo a fermare un bando.

Molti amministratori sono con le cooperative. «Fanno bene le cooperative che non vogliono partecipare ai nuovi bandi per i centri per migranti. Come si fa a garantire un servizio con venti euro al giorno?», ha twittato nei giorni scorsi il sindaco di Bologna, Virginio Merola. E questa è del resto la linea di tutti coloro che si oppongono al taglio dei costi: è impossibile fornire un’assistenza decente a quelle cifre. Ma al Viminale si dà una lettura tutta politica di quello che sta succedendo in mezza Italia. «È un siluro contro il giro di vite deciso da Matteo Salvini» dicono a mezza voce. E stanno valutando contromisure.

In prima fila nel no al taglio delle tariffe ci sono le associazioni di categoria.

Legacoop e Confcooperative del Veneto hanno spedito una lettera alle prefetture di Padova, Verona e Belluno per chiedere di bloccare le gare per l’assegnazione dei fondi per l’accoglienza diffusa. Nella nota le due associazioni, che raccolgono il 90% delle cooperative sociali che lavorano nel territorio veneto, fanno esplicito riferimento alla difficoltà di gestire l’accoglienza con cifre che sono passate da 35 a 18 euro per migrante al giorno, e che di fatto, dicono, azzerano la capacità di integrazione e interrelazione tra i migranti e la popolazione residente. «Non siamo albergatori – dicono i vertici della associazioni – se le prefetture non ritirano e non rivedono le quote saremo costretti a mandare deserti i bandi».

Inoltre, segnalano le coop, si profila un problema di disoccupazione: «Con queste cifre almeno 350 persone resteranno senza lavoro, prevalentemente donne con altissima specializzazione».

In Toscana Arci e Oxfam si sono chiamate fuori dalle gare. «Non possiamo – ha detto Simone Ferretti, responsabile immigrazione dell’Arci – fare accoglienza soltanto per garantire pasti e posti letti. C’è un livello di dignità collegata all’accoglienza che con questo bando scompare, per cui ci tiriamo indietro. Non è una questione di soldi ma di qualità dell’accoglienza».

Duro anche il commento della Legacoop sociali Toscana: «Questi bandi non rispettano alcune norme basiche, ad esempio non sono previste le spese per la sicurezza dei lavoratori. E poi non ci sono attività per l’integrazione. Il nostro ruolo si ridurrebbe a quello di sorveglianti».

Sempre in Toscana sembrano invece intenzionate a partecipare ai bandi associazioni e cooperative quali Caritas, Il Cenacolo, cooperativa Cristoforo, che già gestiscono una grossa fetta di migranti accolti in provincia di Firenze.

Legacoop Toscana, ma anche da Forum Toscano del Terzo Settore, Arci, Cnca e Diaconia Valdese chiedono anche che la giunta regionale approvi rapidamente la legge sull’accoglienza, che metterebbe a disposizione altri fondi per l’assistenza, byassando così Salvini.