Manca la salma, salta il funerale

I familiari e amici di Manuela Spargi non hanno potuto dare l'ultimo saluto: il carro funebre si è perso sulle montagne della Valtellina, bloccato dalla neve. Il funerale è stato rimandato a data da destinarsi. Il conducente ha sbagliato strada, forse per un errore del navigatore o per voler passare prima in Bergamasca.

Manca la salma, salta il funerale

Manca la salma, salta il funerale

I familiari e gli amici di Manuela Spargi dovranno aspettare ancora per darle l’ultimo saluto. Riuniti l’altro giorno sul sagrato di una chiesa a Milano per celebrare il suo funerale, non hanno mai visto arrivare il carro funebre che portava da Colico la salma della 56enne milanese che martedì è morta precipitando da 40 metri al volante della sua auto dopo una visita all’Abbazia dei frati a Piona, sull’alto lago di Como. Il motivo: l’addetto delle onoranze funebri ha sbagliato strada e si è perso sulle montagne della Valtellina, bloccato dalla neve prima di venir recuperato semi assiderato dal Soccorso Alpino.

Era gremita la chiesa di San Leonardo Murialdo al Giambellino, nella periferia di Milano. Alle 14 era fissato il funerale della donna, ma è tutto slittato a data da destinarsi. Perché la salma non è mai arrivata in chiesa e per parecchie ore neppure si sapeva dove fosse finito il carro funebre che trasportava il feretro guidato da un 37enne. Si è scoperto soltanto a sera inoltrata che l’uomo aveva sbagliato strada, forse per colpa del navigatore satellitare, ma più probabilmente per una volontà precisa che potrebbe essere quella di voler passare prima nella Bergamasca per un saluto ai genitori.