Mercoledì 22 Maggio 2024

Recuperati dai carabinieri due dipinti rubati di Antonio Ligabue

I militari dell’Arma del nucleo Tutela patrimonio culturale sono risaliti alle opere del pittore reggiano che erano state rubate nel 1998. Nei guai un gallerista e un imprenditore e si indaga anche sul futuro acquirente FOTO VIDEO

Uno dei due dipinti recuperati dal nucleo Tutela patrimonio culturale dei carabinieri di Bologna

Uno dei due dipinti recuperati dal nucleo Tutela patrimonio culturale dei carabinieri di Bologna

Modena, 27 gennaio 2015 - Due quadri di Antonio Ligabue, rubati a casa di un privato nel 1998, sono stati recuperati dai carabinieri del nucleo Tutela patrimonio culturale di Bologna (FOTO). L’operazione è avvenuta nell’ambito di una complessa indagine che la procura di Modena ha aperto a seguito di recenti razzie avvenute nelle chiese dell’Appennino modenese. Nel mirino degli inquirenti ora ci sono un noto gallerista emiliano (di fama internazionale) e un imprenditore modenese. Sono entrambi accusati di truffa aggravata e ricettazione. Al vaglio anche la posizione di un terzo soggetto: un privato che stava acquistando i due dipinti per la cifra di 115mila euro.

Per 17 anni, hanno scoperto gli inquirenti, i due dipinti non si sarebbero mai mossi dall’Emilia, ma, contemporaneamente, non si esclude che stessero per prendere il volo verso mete oltreconfine, a breve. Difatti l’attività del nucleo Tutela patrimonio culturale (lo stesso che indaga sul recente furto del Guercino a Modena), è intervenuta nell’esatto momento in cui la contrattazione tra le parti (i tre soggetti) stava per essere conclusa. I quadri, sostanzialmente, stavano per essere ceduti al privato, col fine ultimo di rivendere le opere d’arte sul mercato nero, a cifre ovviamente ben più importanti. Le due opere d’arte ritrovate sono ‘Leopardo che afferra una gazzella’ e ‘Cavaliere con paesaggio svizzero’. Le indagini non sono ancora concluse e a dimostrarlo c’è, ad esempio, la posizione del terzo soggetto, ancora al vaglio.