Venerdì 24 Maggio 2024

La premonizione di Barbara "Vai piano, ho paura"

Sorpasso folle, morta con l’amica. In un video per il fidanzato aveva previsto tutto

C’è una prima svolta nelle indagini sull’incidente di Gorgo di Monticano (Treviso) costato la vita sabato notte a due ragazze, a bordo di una Bmw finita contro un platano. Il conducente 19enne della vettura e l’amico, coetaneo, che guidava l’altra macchina sulla scena dello schianto, una Volkswagen Polo, sono indagati dalla procura di Treviso per omicidio stradale. Nei confronti del secondo si ipotizzerebbe anche l’omesso soccorso; perché l’utilitaria, su cui si trovavano 4 giovani, dopo aver dato l’allarme si è allontanata dal luogo dello scontro. Erano stati i carabinieri a rintracciare il conducente, già tornato a casa, e gli altri tre, testimoni cruciali di quanto era successo.

Come accade spesso in queste tragedie, lascia senza parole un video che Barbara Brotto, una delle vittime, aveva pubblicato solo due giorni prima su TikTok, per raccomandare al fidanzato di andar piano in macchina: "Non c’è bisogno di correre, sai?", scriveva la 17enne, immaginando una storia nella quale loro due sono a bordo di un’automobilina blu, che sta per sorpassarne un’altra. "Come va piano questo, spicciati! abbaglianti" dice il fidanzato; "non c’è bisogno di correre, sai?" risponde lei, che poi, di fronte ad altre peripezie dell’automobilina, esclama: "Mamma mia, che paura". Intanto si va chiarendo la dinamica della tragedia, in cui sono morte Eralda Spahillari, 19 anni, e Barbara Brotto, 17 anni. La potente Bmw 420, il 19enne al volante – tuttora in terapia intensiva a Treviso – l’aveva avuta in prestito dal padre. Il giovane, che abita a Pravisdomini (Pordenone) avrebbe perso il controllo della vettura dopo aver urtato la Polo su cui viaggiavano i 4 amici, nel tentativo di sorpasso. Nell’auto, la cui velocità al momento dell’uscita dalla carreggiata è stata stimata intorno ai 140 chilometri l’ora, oltre alle ragazze decedute viaggiava un quarto occupante, rimasto ferito in modo meno grave rispetto al conducente, e ora ricoverato all’ospedale di Mestre.

Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore di Treviso, Gabriella Cama. Sembra perdere consistenza l’ipotesi che tra le due macchine di amici fosse in atto una gara; il sorpasso sarebbe perciò da ricondurre a una bravata fine a se stessa, finita in tragedia. Una delle ragazze era salita a bordo della Bmw all’uscita di un locale pubblico, che si trova appena a poche centinaia di metri dal punto dell’incidente.

Gli esami tossicologici e alcolimetrici sul guidatore della Polo sono stati effettuati solo varie ore dopo l’evento, quando il ragazzo è stato rintracciato nella sua abitazione in un Comune ad alcuni chilometri dal luogo dell’incidente. La procura di Treviso disporrà nelle prossime ore una perizia tecnica, affidata a un esperto, per ricostruire l’esatta dinamica del sinistro, cui non si può risalire – spiega una fonte – solo attraverso i rilievi effettuati sulla strada dalle forze dell’ordine, o le testimonianze di chi transitava in quel tratto di strada, un rettifilo che porta da Motta di Livenza a Godega Sant’Urbano (Treviso).

m. p.