Piero Amara, 52 anni, avvocato siciliano originario di Augusta, è stato arrestato dalla Finanza
Piero Amara, 52 anni, avvocato siciliano originario di Augusta, è stato arrestato dalla Finanza
Il "sistema Amara" nelle vicende giudiziarie di Trani e dell’ex Ilva di Taranto: su richiesta della procura di Potenza, l’avvocato Piero Amara – al centro dell’inchiesta di Milano sul cosiddetto ‘complotto Eni’ anche per le dichiarazioni rilasciate ai magistrati lombardi sulla presunta loggia Ungheria – è stato arrestato e trasferito in carcere per corruzione in atti giudiziari. Era un "patto corruttivo", basato su un continuo scambio di favori e utilità, quello che – come scritto nell’ordinanza del gip di Potenza, Antonello Amodeo – Amara aveva stretto con Carlo Mario Capristo, ex procuratore di Trani e Taranto nel 2014, in concomitanza con la presentazione delle domande per il direttivo della procura generale di Bari, e poi portato avanti per anni. A Capristo è...

Il "sistema Amara" nelle vicende giudiziarie di Trani e dell’ex Ilva di Taranto: su richiesta della procura di Potenza, l’avvocato Piero Amara – al centro dell’inchiesta di Milano sul cosiddetto ‘complotto Eni’ anche per le dichiarazioni rilasciate ai magistrati lombardi sulla presunta loggia Ungheria – è stato arrestato e trasferito in carcere per corruzione in atti giudiziari. Era un "patto corruttivo", basato su un continuo scambio di favori e utilità, quello che – come scritto nell’ordinanza del gip di Potenza, Antonello Amodeo – Amara aveva stretto con Carlo Mario Capristo, ex procuratore di Trani e Taranto nel 2014, in concomitanza con la presentazione delle domande per il direttivo della procura generale di Bari, e poi portato avanti per anni. A Capristo è stato notificato l’obbligo di dimora nel capoluogo pugliese. La Guardia di finanza e la polizia hanno eseguito altri tre arresti: in carcere è finito anche il poliziotto Filippo Paradiso, il "relation man" di Amara, come è stato definito negli atti dell’inchiesta coordinata dalla procura di Potenza, competente sui magistrati di Taranto e Brindisi. Amara e Paradiso avrebbero agito "con un’incessante attività di persuasione e sollecitazione" per "raccomandare" Capristo a membri del Csm.

Procuratore di Trani dal 2008 al 2016 e poi di Taranto fino al 2020, Capristo fu arrestato proprio nella primavera dello scorso anno, sempre su richiesta della procura di Potenza, per tentata concussione, falso in atto pubblico e truffa aggravata. In seguito, il magistrato si è dimesso dall’ordine giudiziario, anticipando il pensionamento. "Ha sempre agito correttamente e – hanno scritto in una nota gli avvocati difensori, Angela Pignatari e Riccardo Olivo – in piena conformità al suo ruolo di procuratore di Trani e di Taranto". Sono, invece, ai domiciliari, Nicola Nicoletti, che è stato consulente dei commissari dell’ex Ilva dal 2015 al 2018, e l’avvocato di Trani Giacomo Ragno. Nei confronti di quest’ultimo è stato disposto il sequestro preventivo di 278mila euro, pari all’importo delle parcelle professionali pagate dai commissari dell’Ilva per gli incarichi ricevuti "nel contesto del patto corruttivo" scoperto dagli investigatori, che hanno ascoltato circa 80 testimoni e interagito con le procure di Milano, Roma, Messina, Lecce e Perugia. Secondo quanto ricostruito dalla procura potentina, guidata da Francesco Curcio, Capristo, quando era procuratore di Trani, nonostante "la palese strumentalità", si autoassegnava in co-delega con i sostituti Antonio Savasta e Alessandro Pesce procedimenti penali che scaturivano "da esposti anonimi" sull’Eni "redatti da Amara" e "consegnati" direttamente allo stesso Capristo. Negli esposti veniva "prospettata la fantasiosa esistenza di un inesistente progetto, concepito a Barletta proprio affinché il fatto fosse di competenza della procura di Trani" e che "mirava a destabilizzare i vertici dell’Eni e in particolare a determinare la sostituzione dell’amministratore delegato, Claudio Descalzi". In questa maniera, Amara riusciva a farsi accreditare presso la compagnia petrolifera come un legale "in grado di interloquire direttamente con i vertici della procura tranese".

Tra gli undici indagati ci sono anche gli ex magistrati pugliesi Michele Nardi e Antonio Savasta, rispettivamente ex gip ed ex pm di Trani e già condannati in primo grado dal Tribunale di Lecce rispettivamente a 16 anni e nove mesi di reclusione e a dieci anni nell’ambito del cosiddetto processo "giustizia svenduta". Non è da escludere che la procura potentina possa avere altre carte utili a far luce sul "sistema Amara": un sistema che avrebbe quindi favorito l’avvocato siciliano, Capristo e altre persone coinvolte nel "patto corruttivo". Del resto, secondo gli investigatori, alla base del modus operandi di Capristo c’era la frase: "Per gli amici, i favori; per gli altri, la legge".

red. int.